fbpx

Marche, Spacca: “puntiamo su partenariato per politiche coesione”

Il presidente Gian Mario Spacca ha firmato oggi in Regione Marche il protocollo d’intesa con categorie economiche e parti sociali per la politica di coesione 2014 – 2020. Presenti all’incontro anche gli assessori alle Politiche comunitarie, Paola Giorgi, alle Attività produttive Sara Giannini, al Lavoro, Marco Luchetti. “Il partenariato – ha detto Spacca – è elemento qualificante nella costruzione e attuazione della politica di coesione e prevede il coinvolgimento dei partner economici e sociali lungo tutto il processo decisionale. In questo modo priorità, obiettivi, strumenti, monitoraggio e valutazione inerenti la gestione dei Fondi europei e statali, diventano momenti realmente condivisi con i destinatari delle politiche d’intervento. Le Marche da qui al 2020 possono contare su oltre un miliardo di euro di risorse europee. Una cifra estremamente rilevante, sia in relazione al generale contesto di scarsità di risorse pubbliche a sostegno della crescita, sia relativamente alla difficile congiuntura economica in essere. L’ingente budget che avrà a disposizione la Regione, permetterà di consolidare sia le misure anticrisi messe in campo negli anni, sia di sostenere processi virtuosi, come la promozione di processi innovativi e l’apertura estera del sistema Marche, che stanno dando ottimi risultati, come testimoniato dall’andamento dell’export. Interventi che troveranno un’unica visione strategica d’insieme anche nel piano d’azione della Macroregione Adriatico Ionica. Grazie alle ottime performance nell’utilizzo delle risorse ottenute nel periodo 2007/2013 pari a 100%, la Regione per il periodo di programmazione 2014/2020 ha ottenuto un incremento del +10% dei fondi rispetto alla programmazione passata. Ora si tratta, come in passato, di usarle al meglio”.

Hanno sottoscritto il protocollo le associazioni presenti nelConsiglio regionale economia e lavoro, Confcooperative, Confesercenti, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confindustria, Legacoop, Confapi, Casartigiani, Claai, Confagricoltura, Cia, Coldiretti, Copagni, Commissione regionale Abi, Cgil, Cisl, Uil.

Il Partenariato economico e sociale, si articola su due livelli, uno generale – per una visione d’insieme e la verifica del livello d’ integrazione tra i singoli fondi europei e statali – e un livello tecnico o settoriale (tavoli tematici o settoriali), che si applica agli aspetti operativi della programmazione e alla fase di attuazione dei programmi. I Fondi oggetto del partenariato sono il Fondo sociale europeo, quello di sviluppo regionale, il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, il Fondo si sviluppo e coesione. Annualmente, fino al termine del periodo di programmazione è prevista una sessione annuale di verifica sull’avanzamento strategico della politica regionale unitaria, sui risultati raggiunti nei diversi territori e sull’integrazione delle fonti finanziarie.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email