Misure del Governo, Confesercenti: “Finalmente si riparte. Ci sono buone decisioni, ma benefici Irap e Irpef tagliano fuori oltre tre milioni di piccole imprese”

“Con le decisioni del Governo di ieri finalmente si riparte. Vanno registrate con favore alcune misure che guardano alla ripresa economica, ma rimane una grande iniquità da sanare: se è giusto infatti sostenere i redditi più bassi dopo tanti anni di crisi, è incomprensibile che i benefici Irap (concentrati sul costo del lavoro) e le riduzioni Irpef taglino fuori oltre tre milioni di piccole imprese senza dipendenti”.

Così Confesercenti, in una nota, commenta le misure di ieri.

“Non dimentichiamo che il peso del fisco resta sempre molto forte: a fine marzo sia i beneficiari dei provvedimenti fiscali sia i 20 milioni di contribuenti esclusi dovranno far fronte al pagamento del conguaglio delle addizionali regionali e comunali, aumentato nella maggior parte dei casi”. 

“Indubbiamente ci sarà una ricaduta positiva sui consumi e alcuni interventi a favore delle Pmi serviranno ad alleviare le grandi difficoltà in cui versa questo parte fondamentale della nostra economia. Ma è lecito aspettarsi non solo che a questo punto vengano garantite le coperture finanziarie, ma anche che si renda più equa ed efficace questa importante operazione finalizzata a ritrovare rapidamente la via della crescita economica”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email