Nicola Rossi è il neo eletto Presidente di Confesercenti Area Veneto Centrale

 Ad affiancarlo come vice presidente per i prossimi quattro anni ci sarà Flavio Convento

Nicola Rossi è stato eletto ieri sera all’unanimità dall’Assemblea d’Area formata dai delegati di Padova e Vicenza, questa la grande novità che vede un Presidente unico per entrambe le province grazie alla fusione avvenuta in questi mesi.  Ad affiancarlo come vice presidente per i prossimi quattro anni ci sarà Flavio Convento, imprenditore del vicentino nel settore dei carburanti.

Confesercenti del Veneto Centrale, questo il nome scelto a maggioranza dai delegati per la nuova struttura che avrà sede legale a Padova in via Savelli.

Rossi, classe ‘55,  esperto di marketing e comunicazione e con una lunga esperienza nel mondo fieristico, è stato Presidente della Confesercenti Padovana dal 1999. Oggi la sfida è ancora più impegnativa, la nuova associazione di categoria, mette insieme per la prima volta in Veneto due province, Padova e Vicenza, diventando punto di riferimento  per circa 7000 imprese, con 12 sedi e 130 tra impiegati e collaboratori.

“Siamo certi che questa unione porterà vantaggi a tutto il territorio, grazie alla ricaduta in termini di promozione e valorizzazione delle imprese, diventando di fatto la seconda realtà regionale di rappresentanza nel settore turistico. Ci presenteremo infatti con Palladio, Giotto, i Colli e l’altopiano, un patrimonio unico in grado di attrarre turisti da tutto il mondo. Per quanto riguarda il commercio, saremo in grado di offrire servizi agli oltre 7 mila associati con dei costi sempre più competitivi. Inoltre vogliamo trasferire le esperienze positive fatte con i Distretti del Commercio nella Provincia Padovana anche a Vicenza, portando il know how dei Manager che attualmente collaborano con noi e che abbiamo formato attraverso il nostro centro studi.” dichiara Rossi.

“Voglio ringraziare i colleghi di Vicenza, conclude Rossi, perché hanno creduto e lavorato duramente in questo progetto assieme a noi. Un accorpamento di questo tipo non è facile da affrontare, ma si tratta di passo avanti che, sono convinto, incontrerà l’adesione di tutti i nostri iscritti”.

Il coordinamento interprovinciale rappresenta sicuramente un risparmio, che nell’immediato è di circa 60mila euro ma che a regime potrà diventare un’ottimizzazione anche di oltre 300mila euro, ma è anche un’opportunità concreta di creare nuove collaborazioni in un territorio che cresce nell’ottica dello sviluppo regionale.

Leggi le altre notizie Dal Territorio

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email