Scritte razziste su vetrine di imprenditori stranieri, Confesercenti Trento: “inaccettabile”

 

Il vice Presidente Massimiliano Peterlana: “ogni imprenditore che esercita la propria attività commerciale, a prescindere dalla sua nazionalità, va tutelato”

 

“Inaccettabile, questi sono atti che mandano segnali preoccupanti. Siamo forse davanti a una deriva razzista e xenofoba? O solo a degrado e atti di vandalismo fine a sé stessi?”. Massimiliano Peterlana, vicepresidente di Confesercenti del Trentino e presidente di Fiepet commenta le scritte razziste comparse sopra le vetrine di alcuni esercizi commerciali del centro storico di Trento.

“E’ un segnale allarmante – prosegue Peterlana – . Non ci sono imprenditori di serie A e serie B a seconda della nazionalità. Le attività commerciali vanno tutelate senza ma e senza se. Questi atti “violenti” vanno condannati e contrastati con tutti i mezzi a disposizione dell’amministrazione e delle forze dell’ordine. Ogni imprenditore che esercita la propria attività commerciale a prescindere dalla sua nazionalità va tutelato. E come per il degrado in alcune parti della città, mi aspetto anche per questi atti vili una forte presa di posizione da parte della politica tutta”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email