Emilia Romagna: Sergio Ferrari riconfermato presidente della Fipac regionale

Salvaguardia del potere di acquisto delle pensioni e sostegno del welfare per gli anziani, i temi principali dell’Assemblea elettiva

L’Assemblea elettiva della Fipac-Confesercenti Emilia Romagna (Federazione Italiana Pensionati attività commerciali), che si è riunita oggi a Bologna, ha riconfermato al vertice Sergio Ferrari.

Sergio Ferrari, al suo secondo mandato a sostegno dei pensionati del commercio, nella Confesercenti ha già svolto il ruolo di presidente Confesercenti Bologna, presidente regionale Confesercenti Emilia Romagna,  di vicepresidente nazionale, ed è tutt’ora componente di giunta della Camera di Commercio di Bologna.

Numerosi i temi affrontati nel corso dell’Assemblea regionale, in particolare quelli relativi a pensioni, sanità, lavoro e sicurezza che,  in un contesto come quello attuale, vedono da un lato un aumento della domanda di welfare e protezione e dall’altro una significativa riduzione delle risorse umane e finanziarie disponibili.

Il tema centrale, rivendicato dalla Fipac/Confesercenti, ma in generale da tutto il movimento pensionati, è stato soprattutto quello della salvaguardia del potere di acquisto delle pensioni che hanno subito una rilevante perdita negli ultimi vent’anni.

Consenso e adesione è stato espresso dall’intera Assemblea sui provvedimenti assunti da Regione e Governo di contrasto alla povertà quali il reddito di solidarietà e il reddito di inclusione.

Tra gli altri argomenti emersi, l’impegno ad ottenere un tangibile riconoscimento a sostegno dei caregiver dopo l’approvazione di una apposita legge regionale, una programmazione più celere delle Case della Salute ed una loro maggiore ottimizzazione delle funzioni e della conoscenza sul territorio; infine, la riformulazione su basi più eque e sostenibili del prontuario dei ticket sanitari e il potenziamento dell’assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti.

Leggi le altre notizie “Dal Territorio”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email