PONTE DI OGNISSANTI: ancora segnali positivi dopo un’ottima estate

PRENOTATO IL 66% DELLE CAMERE DISPONIBILI ONLINE, +3% RISPETTO AL 2016

Indagine Cst per Assoturismo Confesercenti: montagne e città d’arte in cima ai desideri dei turisti. Emilia-Romagna e Trentino-Alto Adige le Regioni più prenotate.

Il Ponte di Ognissanti, tecnicamente, quest’anno non c’è; ma il turismo sì. Arrivano segnali ancora positivi per il comparto dopo l’ottima performance della stagione estiva: in base al monitoraggio condotto da CST per Confesercenti, al 31 ottobre la saturazione dell’offerta ricettiva nazionale disponibile online per il periodo dal 1 al 5 novembre 2017 dovrebbe attestarsi a circa il 66% (3 punti in aumento rispetto alla stessa rilevazione del 2016), con punte più elevate per le città d’arte e le località montane e lacuali.

La tendenza positiva della domanda turistica è attesa in quasi tutte le aree del paese, con valori percentuali più alti per le località montane ma anche per le città d’arte e per le località lacuali. A farla da padrone sono, quindi, le località montane dove si rileva un tasso di occupazione delle camere disponibili online intorno al 73%; dati importanti anche per le nostre località lacuali con percentuali di occupazione intorno al 68% cosi come le città d’arte che si aggirano intorno ad un tasso di occupazione fra il 66% ed il 72%. Più basse le percentuali di occupazione per questo lungo week end per le località termali e le località balneari. Tra le Regioni, invece, le più prenotate sono Trentino Alto-Adige ed Emilia Romagna, con un tasso di occupazione al 73%. Seguono Lazio, Sardegna, Veneto, Friuli-Venezia-Giulia e Piemonte al 72%.

Complessivamente si registra dunque un buon andamento, che corona un inizio di autunno positivo per il turismo: secondo quanto emerge dall’Osservatorio congiunturale CST per Confesercenti dai primi dati relativi ai due mesi della stagione autunnale – settembre ed ottobre – si registra una crescita di circa due punti in percentuale del movimento turistico rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con una crescita maggiore per la clientela straniera ma che rileva valori positivi anche per la domanda italiana.

“Anche questo autunno il comparto del turismo continua a mostrare un eccellente dinamismo”, commenta Vittorio Messina, Presidente nazionale di Assoturismo Confesercenti. “Le buone condizioni climatiche hanno favorito i flussi in arrivo sia a settembre che ad ottobre. E anche novembre, nonostante la virata del meteo verso il freddo, si apre bene: anche se questo Ognissanti cade di mercoledì, si segnala un aumento dei turisti, grazie soprattutto all’arrivo degli stranieri, che ovviamente, vista la stagione, premiano località montane e città d’arte. Un risultato che conferma il buon lavoro fatto dai nostri operatori e l’appeal del ‘prodotto Italia’ in Europa e nel mondo. Adesso è importante sostenere questi segnali di vitalità: in primo luogo aiutando le imprese a investire in innovazione tecnologica e strutturale, nell’ambito del piano Impresa 4.0. Ma anche colpendo con maggiore decisione l’abusivismo ricettivo, fenomeno purtroppo in grande crescita. Un problema non solo per gli operatori in regola, ma anche per l’erario, che perde milioni di euro di gettito, e per la salute pubblica e la sicurezza dei turisti”.

Roma, 1 novembre 2017 

TASSO DI OCCUPAZIONE DELLE CAMERE DISPONIBILI ONLINE: DETTAGLIO REGIONI E MEDIA NAZIONALE

REGIONI Tasso di occupazione al 31 ottobre
PIEMONTE 72%
VALLE D’AOSTA 69%
LOMBARDIA 71%
LIGURIA 71%
TRENTINO ALTO ADIGE 73%
VENETO 72%
FRIULI VENEZIA GIULIA 72%
EMILIA ROMAGNA 73%
TOSCANA 72%
UMBRIA 61%
MARCHE 63%
LAZIO 72%
ABRUZZO 57%
MOLISE 51%
CAMPANIA 63%
PUGLIA 64%
BASILICATA 58%
CALABRIA 53%
SICILIA 55%
SARDEGNA 72%
Media Italia 66%

TASSO DI OCCUPAZIONE DELLE CAMERE DISPONIBILI ONLINE: DETTAGLIO TIPOLOGIA DI DESTINAZIONE

Media Città d’arte 70%
Media Località marine 58%
Media Termali 60%
Media Montane 73%
Media Lacuale 68%

Portali analizzati: Booking.com, Trivago, Expedia, Airbnb

Pin It