8 dicembre, ponte “col botto” a Torino: il 90% degli alberghi non ha più stanze disponibili

Confesercenti: risultato oltre ogni aspettativa; soddisfatte anche guide turistiche e attività di somministrazione.

GiancarloBanchieri Presidente Assohotel-ConfesercentiSi prospetta eccezionale, dal punto di vista turistico, l’imminente ponte dell’8 dicembre a Torino: a oggi, il 90% degli alberghi cittadini non ha più una camera libera e le prenotazioni continuano ad arrivare.

“Un risultato – dice Giancarlo Banchieri, presidente di Assohotel (l’associazione degli albergatori di Confesercenti) e responsabile del comparto turistico della confederazione – che va al di là delle più rosee aspettative e che mai si era verificato a Torino. L’occupazione così massiccia delle stanze riguarda ogni tipologia di struttura, a dimostrazione che Torino riesce ormai ad attirare fasce diversificate di visitatori”.

L’ottima performance è confermata anche da Federagit, l’associazione delle guide turistiche di Confesercenti: “I colleghi – dice la presisente, Micol Caramello – stannno ricevendo richieste da ogni parte d’Italia: le mete più gettonate sono quelle tradizionali (Egizio, Polo reale, Museo del Cinema), ma anche alcune mostre, come quella di Monet, in attesa dell’apertura (11 dicembre) di quella dedicata a Matisse, per la quale stanno già arrivando moltissime richieste. Non manca chi chiede un giro in città alla scoperta dei luoghi più caratteristici e delle Luci d’artista”.

“Un simile afflusso non potrà che avere ricadute positive anche per le attività della somministrazione: già ora i nostri ristoranti stanno ricevendo prenotazioni”, commenta Fulvio Griffa, presidente delle Fiepet, l’associazione dei pubblici esercizi di Confesercenti.

È in questo contesto che – in vista del ponte dell’8 dicembre e per tutta la stagione invernale – si concretizza un’iniziativa degli operatori turistici del sistema Confesercenti. A partire da sabato 5 dicembre, alberghi, guide e pubblici esercizi di Torino promuoveranno presso i loro clienti, attraverso materiale informativo dedicato, le strutture e le offerte turistiche dei comuni delle Valli olimpiche, mentre queste ultime promuoveranno le strutture e le attività di Torino.

“Una collaborazione e una sinergia – spiega Banchieri – che avvantaggerà tutti: siamo convinti che anche questa capillare azione informativa sia ‘fare sistema’, perché il territorio va promosso nella sua integralità e nei suoi diversi aspetti. Il turista-sciatore di Sestriere può essere interessato a trascorrere anche qualche giorno a Torino e, viceversa, chi viene a Torino per una mostra magari sta pensando di organizzare la settimana bianca: perché non fargli avere direttamente tutte le informazioni, per di più garantite dai colleghi?”.

“Si tratta – dice Lorenzo Colomb, sindaco di Cesana Torinese – di un’iniziativa proficua e interessante che, come amministrazioni, sosteniamo. Azioni comuni di promozione fra diverse aree del nostro territorio e diverse tipologie di offerta possono innescare un circolo virtuoso a beneficio di tutti. È altrettanto apprezzabile che tale iniziativa sia attuata – con il coordinamento di Confesercenti – dagli stessi imprenditori che agiscono non come singoli in concorrenza fra loro, ma come sistema”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email