8 marzo: Assofioristi, mimosa fiore “italiano”, un omaggio che aiuta tutto il settore florovivaistico

“Quest’anno regalare o regalarsi la mimosa, oltre a celebrare la giornata della Donna, darà anche una mano a tutto il settore florovivaistico del Paese, perché la mimosa è una pianta largamente prodotta in Italia”.

Così Ignazio Ferrante Responsabile Assofioristi Confesercenti.

“Mentre altri fiori vengono prodotti e acquistati dall’estero, la mimosa è coltivata in Puglia, Lazio e soprattutto Liguria. Comprare questo fiore incentiva quindi il Made in Italy, in un momento così difficile per la nostra economia. Oltre alla pandemia però, quest’anno anche il clima non aiuta le vendite: questo caldo anomalo – spiega Ferrante – che a febbraio ha visto registrare punte anche di 28 gradi al Sud, ha anticipato la fioritura della mimosa. Quindi si registreranno aumenti di prezzo di oltre il 20% per la grande domanda alla quale non si riuscirà a far corrispondere un’adeguata offerta”.

Importante, torna a ribadire Assofioristi, e non comprare dagli abusivi che, oltre tutto, non garantiscono le norme anti Covid. “Ricordiamo – dice il presidente – che i nostri operatori stanno subendo, nonostante siano riamasti aperti, cali di fatturato in media del 40%. Per alcuni di noi, che lavoravano principalmente con gli eventi e cerimonie, i cali sono arrivati anche all’80%. C’è anche un altro dato da evidenziare: molte imprese florovivaistiche italiane hanno scelto di convertire la produzione in ortofrutticolo. Questo ci mette nelle condizioni di dover acquistare sempre più all’estero, con elevati costi di trasporto che ci costringono a rivedere il prezzo finale al cliente. Per questo sottolineo l’importanza di continuare, non solo in queste giornate particolari, a regalare fiori e ad acquistarli per la propria casa, per invertire una tendenza, a vantaggio di una filiera importante del nostro Made in Italy”.

“Vorrei infine – conclude Ferrante – fare un passaggio sull’importanza di celebrare questa festa per il significato della stessa, in relazione alle conquiste politiche, sociali, economiche delle donne che in questo giorno vengono ricordate. E’ tempo ormai di fare un passo in più che, abbattendo le disparità di genere, porti ogni giorno ad essere un 8 marzo e l’occasione giusta per regalare un fiore”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email