Confesercenti Emilia Romagna, accordo quadro con sindacati su detassazione premi di produttività

L’accordo, tra le altre cose, individua gli indicatori di misurazione degli incrementi di produttività utili a definire i premi oggetto di detassazione

Accordo quadro fra Confesercenti, FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS-UIL Emilia Romagna per la detassazione dei premi di produttività, della partecipazione agli utili e dei servizi di welfare aziendale.

Confesercenti e le Organizzazioni sindacali FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS-UIL, hanno sottoscritto un accordo per la detassazione dei premi di produttività, della partecipazione agli utili e dei servizi di welfare aziendale nei settori del commercio, del terziario e del turismo, così come consentito dalle normative vigenti.

L’accordo individua in modo puntuale gli indicatori di misurazione degli incrementi di produttività utili a definire i premi oggetto di detassazione che vanno dall’incremento del fatturato alla diminuzione dei tempi di lavorazione e altro ancora.

Per quanto riguarda le prestazioni di welfare, che possono essere individuate da imprese e lavoratori, l’accordo rimanda a quanto previsto dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi.

L’Accordo consente alle aziende associate alle Confesercenti dell’Emilia Romagna, e che rispettano integralmente il CCNL applicato, di detassare le somme la cui corresponsione sia legata ad incrementi di produttività, nonché le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili e le prestazioni di welfare per il periodo che va dal 1° gennaio a 31 dicembre 2019, applicando sulle somme corrisposte l’aliquota fiscale agevolata del 10%.

Tutte le informazioni possono essere richieste agli uffici territoriali delle Confesercenti dell’Emilia Romagna.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email