AIGO Confesercenti Roma su nuova disciplina strutture extralberghiere: necessarie linee guida chiare e condivise

Ingenito: “Distinguere le strutture autorizzate da quelle abusive”

.

agriturismo OTTL’Autorità Garante della Comunicazione e del Mercato, sul bollettino n. 7 del 27 febbraio 2017,pubblicava la nuova attività settimanale di segnalazione e consulta.

In merito alla Regione Lazio,emetteva un parere relativo alla interpretazione ed attuazione di provvedimenti sul regolamento regionale n. 8/2915 in materia di “nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere” inseguito alla sentenza 6755/2016 del TAR del Lazio, che annullava parzialmente il Regolamento.

L’AGCOM, intende così evidenziare il permanere di ostacoli all’esercizio di attività non imprenditoriali e sollecita esplicitamente la Regione Lazio ad emanare determinazioni assunte con riguardo, nel rispetto della citata sentenza, entro 30 giorni dal parere.

Evidenziando che il TAR annullava soltanto le disposizioni che prevedevano vincoli all’esercizio e all’operatività dell’attività,ritenuti illegittimi. Chiede inoltre di indicare ai Comuni di accettare le istanze di SCIA, sin da subito,relative all’apertura di nuove strutture di Bed&Breakfast e casa vacanze in forma non imprenditoriale. Ci aspettiamo presto una legge regionale che veda la possibilità di effettuare nuovamente la SCIA delle forme attualmente escluse dalla Regione Lazio, è quanto dichiara il presidente AIGO Confesercenti di Roma e Lazio, Claudio Cuomo.

Continua ammonendo, Regione Lazio e Comune di Roma, tra i principali attori istituzionali di leggi e regolamenti decisivi, troppo impegnati in manovre di palazzo, politiche interne e valzer di poltrone, mentre poco attente alla realtà del turismo di Lazio, Roma e delle condizioni del territorio.

Auspichiamo un cambio di tendenza della Regione Lazio ed un risveglio del Comune di Roma,puntuali nel reagire ad eventi esterni ad essi, legiferando, mentre poco propositivi di una politica di concertazione, che veda la partecipazione attiva di Piccole e Medie Imprese, attrici per la maggiore di questa categoria.

Urgono linea guida del settore, chiare e condivise, per tutelare operatori e consumatori. Occorre mettersi al passo con la concorrenza di nuove, e sempre più numerose mete competitive, che continuano a oltrepassare Roma in molte statistiche.

Esprime il suo apprezzamento al richiamo dell’AGCOM, il presidente nazionale di AIGO, Agostino Ingenito, che dichiara “La battaglia secondo AIGO Confesercenti è contro l’abusivismo dilagante e le speculazioni in atto. Serve un piano nazionale per obbligare OTA e portali internazionali a distinguere strutture autorizzate da abusive. In questo senso chiediamo che la Conferenza Stato Regioni chiarisca le competenze amministrative e l’agenzie delle entrate le questioni relative all’evasione fiscale.”

Leggi le altre notizie Dal territorio 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email