Ambulanti: Anva, bene Tar E-R su commercio su aree pubbliche

Il Presidente nazionale Maurizio Innocenti: “confermata legittimità dei bandi,  così più garanzie per gli operatori”

Soddisfazione per una decisione che conferma la legittimità dei bandi e garantisce gli operatori che vi hanno partecipato.

Così Maurizio Innocenti, Presidente di Anva, l’associazione che riunisce le imprese del commercio ambulante di Confesercenti, commenta il respingimento da parte del Tar dell’Emilia-Romagna del ricorso del Garante per la concorrenza contro le deliberazioni della Regione con cui si adottavano i criteri di selezione previsti dall’Intesa per il rinnovo delle concessioni del commercio su area pubblica.

“Il respingimento – sottolinea Innocenti – conferma di fatto e di diritto il corretto operato della Regione e dei Comuni che avevano espletato i bandi. Le Amministrazioni che hanno fatto i bandi hanno agito legittimamente garantendo agli operatori partecipanti il diritto e la certezza del lavoro fino al 2032. Allo stesso tempo viene riaffermata la correttezza e regolarità legislativa del lavoro svolto dalla nostra Associazione in tutta la vicenda e fino ad oggi”.

“Cogliamo l’occasione”, conclude il Presidente di Anva, “per ringraziare la Regione Emilia-Romagna per l’impegno che da sempre ha profuso per la tutela delle nostre Imprese; occorre altresì ricordare che anche altre Regioni tra cui la Toscana in primo luogo, con l’approvazione di una legge specifica sul commercio su area pubblica, in mancanza di riferimenti legislativi nazionali, abbia garantito con il ‘Tacito Rinnovo’ e con la riaffermazione di altre norme di tutela, la certezza del diritto e del valore dell’impresa”.

Condividi