Assoturismo-Confesercenti E.R. ribadisce il suo no alle trivelle entro le 12 miglia e invita a votare sì

Per Assoturismo-Confesercenti E.R. è sicuramente più importante e redditizio salvaguardare e tutelare le coste.

Assoturismo-Confesercenti E.R. ribadisce la propria contrarietà alle trivelle entro le 12 miglia e invita a votare sìA pochi giorni dalla consultazione referendaria sulle trivellazioni nell’Adriatico, Assoturismo-Confesercenti E.R. ribadisce la propria posizione contraria e invita i propri associati a votare si il 17 aprile prossimo.

Il rischio che corre un ecosistema così delicato come quello del Mediterraneo per rendere  indipendente energeticamente il nostro paese per 7, 8 settimane nel caso del petrolio e per 6 mesi per il gas, potrebbe essere gravissimo e irreversibile: pensiamo solo cosa potrebbe accadere in caso di incidente in un mare chiuso come il nostro.

Per Assoturismo-Confesercenti E.R. è sicuramente più importante e redditizio salvaguardare e tutelare le nostre coste, considerato che il turismo è il nostro vero petrolio.

Se si vuole che il prodotto turistico dell’Emilia Romagna regga la sempre più forte competizione internazionale e che aumentino le presenze turistiche e il PIL regionale, la salvaguardia ambientale è un fattore imprescindibile. Inoltre, il sistema turistico rischia di essere compromesso dalla subsidenza, su cui incidono certamente le attività estrattive troppo vicine alla costa.

Assoturismo-Confesercenti E.R. non è pregiudizialmente contraria ad un’industria che crea posti di lavoro. Tuttavia, lo sfruttamento dei giacimenti entro le 12 miglia potrebbe causare danni a un’economia troppo importante per la nostra regione e il principio di precauzione deve valere anche in un caso delicato come questo, soprattutto in virtù del fatto che non si ricaverebbero reali benefici in termini di risparmio energetico.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email