Autostrade, prosegue domani il confronto al Ministero dei Trasporti

ministero_trasportiProseguirà domani l’incontro tra le Associazioni dei gestori autostradali Faib, Fegica e Anisa con il Ministero dei Trasporti sulla vertenza autostrade.
Come si ricorderà le tre Associazioni dei gestori carburanti hanno già preannunciato nelle settimane scorse con un Comunicato Congiunto che “le aree di servizio autostradali saranno chiuse per 48 ore nei giorni 20 e 21 settembre” così come deciso al termine dell’Assemblea Nazionale Unitaria dei gestori delle aree di servizio autostradali tenuta lo scorso 21 luglio a Roma.
La decisione è motivata dall’allarme ingenerato “da una gestione di fatto opaca ed inaccessibile a qualsiasi tipo di comprensione delle oltre 200 gare che pure riguardano un bene in concessione pubblica e che stanno interessando altrettante aree di servizio, vale a dire il 50% della rete”.
Al centro del confronto oltre alle questioni già denunciate di violazione del quadro normativo, la definizione di accordi per regolamentare gli indennizzi dei gestori, la politica dei prezzi praticata in autostrada e la condotta di alcune Compagnie petrolifere che operano in palese violazione delle norme di settore con l’obiettivo di stravolgere e vanificare il contenuto del Decreto Interministeriale che il MIT ed il MiSE avevano predisposto meno di un anno fa, dando il via alla ristrutturazione della rete e segnatamente la continuità gestionale, i rapporti contrattuali, la contrattazione collettiva, le attività non oil, il  self service pre pay, e l’indennizzo ai gestori in uscita.
Le Associazioni sono ferme nel chiedere che i Ministeri coinvolti debbono assicurare il reintegro del pieno rispetto della normativa vigente, facendo rispettare le previsioni legislative del Decreto Interministeriale, scongiurando con ciò anche l’avviarsi di una lunga stagione di conflittualità.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email