Cantone: “mafie investono nei centri commerciali per creare consenso”

“La vicenda di Casal di Principe è tipica soprattutto di  molte realtà meridionali”. Raffaele Cantone, presidente dell’autorità nazionale anticorruzione, commenta a “Prima di tutto”, Radio 1, la maxi operazione di sequestro dei beni ritenuti frutto di attività camorristiche, operata ieri a Casal di Principe dalla Dia di Napoli.

“Ovviamente non entro nel merito dell’operazione, che è ancora sub-judice ma – ha sottolineato il Garante anticorruzione- l’utilizzo di supermercati e centri commerciali da parte delle mafie è funzionale per la gestione dei territori, visto che costituiscono un volano per i posti di lavoro e questo a maggor ragione in alcune aree, come quella campana, dove il lavoro è veramente una rarità. La possibilità di poter gestire 100-200 posti di lavoro diventa fondamentale. Anche per accaparrarsi il consenso: aprire un centro commerciale quindi diventa essenziale per il controllo del territorio”.

“Se non fosse un fatto tragico, sarebbe da dire che, per i commercianti, al danno si aggiunge la beffa”, commenta Confesercenti. “Vengono taglieggiati dalle mafie, che con i soldi così ottenuti investono in centri commerciali e supermercati. Di fatto, quindi, i commercianti finanziano loro malgrado i propri concorrenti. Ragione in più per resistere alle mafie e denunciare gli estortori”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email