Confesercenti Abruzzo, Anva: “I Sindaci stanno chiudendo i mercati senza motivo, intervengano Prefetti e Regione”

Il Presidente regionale Gualà: “In queste ore molti Sindaci stanno chiudendo i mercati all’aperto senza alcun appiglio normativo: l’Abruzzo è in zona arancione e i mercati all’aperto possono tranquillamente svolgersi nel rispetto di tutte le normative anti-Covid”

“In queste ore molti Sindaci stanno chiudendo i mercati all’aperto, senza alcun appiglio normativo. Vogliamo ricordare che le norme nazionali sono molto chiare: l’Abruzzo è in zona arancione e i mercati all’aperto possono tranquillamente svolgersi nel rispetto di tutte le normative anti-Covid. Non è possibile che singoli amministratori senza nessun dato oggettivo continuano a privare i commercianti ambulanti del loro lavoro senza nessun indennizzo previsto dal governo o da chiunque altro”. Lo denuncia Domenico Gualà, presidente regionale di Anva-Confesercenti, l’associazione che rappresenta i commercianti su aree pubbliche.

“Quando si prendono decisioni così forti – aggiunge Gualà – bisogna tenere in considerazione il risvolto economico e il sostentamento delle famiglie che nei mercati lavorano: è necessario che la Regione e le Prefetture intervengano rapidamente sui Comuni”.

“Gli ambulanti – sottolinea anche Domenico Giampaolo, presidente di Anva-Confesercenti della provincia di Teramo – in questi mesi hanno collaborato con i Comuni e con le forze dell’ordine per il rispetto di tutti, al fine di far svolgere i mercati in sicurezza. Non c’è nessun motivo di chiuderli, il Governo non l’ha previsto e senza ristori abbiamo tutti il diritto di riportare il pane a casa. Se si continuano a chiudere i mercati si rischiano nuove tensioni nelle piazze, che devono essere assolutamente evitati”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email