Confesercenti Campania scrive all’Assessore regionale Marchiello: no all’avvio dei saldi il 3 luglio

La Confederazione chiede che la data d’inizio sia fissata al 24 luglio

Confesercenti Campania, nelle persona del Presidente Regionale Vincenzo Schiavo e del Direttore Regionale Pasquale Giglio ha scritto all’Assessore alle Attività Produttive della Regione Antonio Marchiello chiedendo la partenza dei saldi estivi il 24 luglio e non il 3 luglio, come deciso dalla Commissione Sviluppo Economico della Conferenza delle Regioni e Province Autonome.

“In riferimento alla Vostra nota regionale del 24 maggio 2021, relativa alla decisione della Commissione Sviluppo Economico della Conferenza delle Regioni e Province Autonome di anticipare i Saldi Estivi al 3 Luglio 2021 – si legge nella lettera – comunichiamo la nostra contrarietà a tale decisione. La nostra Associazione nazionale del settore moda “Fismo Confesercenti”, a seguito dei danni provocati dal Covid 19 che ha comportato la chiusura delle attività per diverso tempo, nell’ultima Presidenza Nazionale, unanimemente con le sedi Provinciali e Regionali della Confederazione, ha proposto come data di inizio dei saldi estivi a il 24 Luglio 2021, con il divieto di espletare le vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti”.

Confesercenti Campania nella lettera chiede di “rendere noto alla  Commissione Sviluppo della Conferenza delle Regioni la contrarietà della Confederazione alla partenza dei saldi il 3 Luglio e la proposta di avvio al 24 luglio”.

La lettera

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email