Confesercenti E.R.: Alberghi e città d’arte in maggiore affanno

Filippo Donati: “Occorrono sostegni per categorie in difficoltà e rinvio obblighi fiscali”

Il settore turistico è certamente uno dei più colpiti a causa del Coronavirus, e nonostante gli operatori si siano attrezzati immediatamente per garantire la sicurezza per i propri clienti, circola molta preoccupazione per l’esito della stagione estiva.

Secondo i dati di uno studio commissionato dalla Regione all’Osservatorio turistico di Unioncamere, l’impatto di Covid-19 sull’industria turistica emiliano-romagnola nel periodo marzo-agosto può essere calcolato in una perdita di 19,2 milioni di presenze (-42%) e in una riduzione del giro d’affari di 1.180 milioni di euro nella migliore delle ipotesi. Numeri che potrebbero salire a 28 milioni di presenze in meno (-62%) e una perdita di 1.800 milioni di euro in quello peggiore.

Nel settore della ricettività, il danno è stimato in una riduzione dei ricavi per le aziende alberghiere del 55%, pari a 1 miliardo di euro di minori entrate, e del 42% per la ristorazione, equivalente a 3,8 miliardi. Se poi si considera il Valore aggiunto, quindi la ricchezza prodotta in termini di Pil il calo oscilla fra il -12,43% e il -18,45% per il ricettivo e il – 12% e il -15,5% per la ristorazione.

Per Filippo Donati, presidente di Assoturismo-Confesercenti E.R.: “dall’apertura delle attività dopo il lockdown, il dato più evidente è che l’offerta del settore non è in grado di soddisfare la domanda a causa della normativa per il distanziamento fra persone; ciò rende difficile per un imprenditore rientrare delle spese effettive, tant’è che molte attività hanno deciso di non riaprire.

A soffrire di più in questo momento sono le città d’arte e gli alberghi: la domanda per gli alberghi è ancora timida, gli italiani si stanno informando per l’ultima metà di giugno e dall’estero arrivano più richieste di informazioni per luglio. Quindi, il mese di giugno è da ritenersi perso.

Siamo in attesa di vedere cosa succederà da adesso in poi con la riapertura dei confini tra regioni.

Quello che ora ci aspettiamo è un’azione reale per tutte quelle categorie escluse dal sostegno economico del Governo come le guide turistiche, i bus-operator e quelli della ricettività.

Inoltre, è necessario ritardare gli obblighi fiscali che facilmente a settembre non potranno essere onorati: non basta aprire un’attività, bisogna capire che il nostro settore sta resistendo per sopravvivere”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email