Confesercenti Modena, Food delivery negli agriturismi: un colpo basso alla ristorazione

Confesercenti e Confcommercio: “In questo modo vanno parificandosi due attività che nascono con finalità completamente diverse”

E’ stato approvato, da parte della Giunta della Regione Emilia-Romagna, un progetto di legge che consente agli agriturismi la possibilità di vendere i pasti con modalità di asporto, anche con consegna a domicilio: per Confesercenti e Confcommercio Modena si tratta di un colpo basso al settore della ristorazione che vede parecchie imprese a rischio di chiusura

“Un vero e proprio colpo basso per tutto il settore della ristorazione regionale, in un momento particolarmente complicato come quello che stiamo vivendo e che vede un settore già fortemente in crisi” commentano Confesercenti e Confcommercio Modena in merito alla notizia dell’approvazione, da parte della Giunta della Regione Emilia-Romagna, di un progetto di legge che consente agli agriturismi dell’Emilia-Romagna la possibilità di vendere i pasti con modalità di asporto, anche con consegna a domicilio.

“In questo modo vanno parificandosi due attività che nascono con finalità completamente diverse e che vedono applicati regimi fiscali, urbanistici, igienico-sanitari, contrattualistici e oneri vari completamente diversi. Così si stravolge completamente la normativa sull’agriturismo – proseguono le due associazioni – che, nelle originarie intenzioni, definisce che per attività agrituristiche si intendono esclusivamente le attività di ricezione e ospitalità esercitate in azienda dagli imprenditori agricoli in rapporto di connessione con le attività agricole di coltivazione, allevamento e silvicoltura”.

Un cambiamento di filosofia importante, dunque, per le due associazioni e che pone alle imprese della ristorazione un ulteriore elemento di concorrenza nel momento delicato della ripartenza. “L’auspicio – concludono Confesercenti e Confcommercio Modena – è che durante i lavori dell’Assemblea legislativa si modifichi la norma, lasciando la situazione normativa come quella odierna”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email