Confesercenti Padova, Rossi: facciamo adottare dalla grande distribuzione negozi e vie commerciali della città

Esempi di questa collaborazione – spiega il Presidente – sono presenti in molte città del nord Europa

“La notizia che il colosso francese Leroy Merlin è interessato ad investire nel centro commerciale ex foro Boario di corso Australia e che la strada per l’apertura è spianata ci riempie di ulteriori preoccupazioni per il futuro del commercio nella città di Padova” dichiara il Presidente di Confesercenti Nicola Rossi.

“Questa ennesima apertura a ridosso della città provocherà la chiusura di qualche decina di esercizi di vicinato ed un ulteriore degrado in alcune aree della città. Difendere oggi le attività commerciali ed investire nel commercio, significa investire per la città. Per questo motivo ai candidati Sindaci di Padova che abbiamo incontrato in questi giorni, abbiamo presentato una richiesta precisa: nel bando per l’aggiudicazione della gestione dell’ex foro Boario e la realizzazione di un centro commerciale, si indichi anche l’obbligo di partecipare ad attività di co-marketing e collaborazione con gli esercizi commerciali del settore e/o con una via, un’area commerciale della città (quartiere, piazza, via ecc.)”, continua il Presidente Rossi

“Confesercenti – spiega ancora – è nata ed è cresciuta grazie al proprio ruolo di garantire un equilibrio tra strutture di vendita (grande piccola e media distribuzione), ma oggi con il dilagare della grande distribuzione, con la crescita delle vendite online con la stagnazione delle vendite al dettaglio, il settore della distribuzione rappresentato dai negozi di vicinato abbisogna di interventi innovativi e coraggiosi. Non ci stancheremmo mai di ripetere che quando chiude un negozio ci perde la qualità della vita di quell’area urbana. Proprio per questo continuiamo a ritenere che gli investimenti a favore delle attività commerciali siano investimenti a favore della città” .

“Esempi di questa collaborazione sono presenti in molte città del nord Europa, conclude Rossi. Alcuni commercianti padovani, in un recenti viaggio di studio, hanno potuto toccare con mano nella città Scozzese di Inverness i risultati positivi di questa collaborazione. Un grandissimo centro commerciale (almeno 4 volte il Giotto) collabora con i negozi del centro storico della città in tutte le iniziative promozionali con attività di co-marketing, interscambio di spazi di vendita, gestione dei flussi unitaria ecc. Un esempio di questo tipo potrebbe dare ottimi risultati anche a Padova se i futuri amministratori sapranno cogliere la necessità di far collaborare il colosso francese con le piccole attività della città”.

Leggi le altre notizie “Dal Territorio”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email