Confesercenti Pesaro: “Un Festival nuovo di zecca! L’XI edizione del Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce mira al coinvolgimento “totale” del pubblico”

BRODETTO1

Con oltre 100.000 presenze durante l’edizione 2012 ed oltre 250 pubblicazioni sui media nazionali, il Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce si conferma ancora una volta la punta di diamante nella promozione della cultura ittica del Mare Adriatico e del piatto simbolo della cucina marinara. L’edizione 2012, la numero 10, ha rappresentato un giro di boa per il Festival e la nuova edizione, l’undicesima, in programma al Lido di Fano dal 12 al 15 settembre prossimi, sarà nel segno del rinnovamento e dell’internazionalità con il coinvolgimento di chef provenienti da tutto il mondo in un gioco  attivo con il pubblico. Restano naturalmente confermate anche le altre iniziative  fortemente apprezzate negli  scorsi anni. Dunque verrà dato ampio spazio alla mostra mercato, alla cucina di strada con 8 punti ristoro; sarà riservata  grande attenzione all’intrattenimento con gruppi musicali, spettacoli dal vivo di diverso genere, presentazioni di libri, animazione per bambini; saranno confermate  collaborazioni ormai consolidate come quella con Enzo Vizzari e la Guida ai Ristoranti d’Italia de L’Espresso, quella con Fede e Tinto, i conduttori della trasmissione radiofonica Decanter (Radio2), con Paolo Notari, giornalista Rai da anni amico del Festival che quest’anno animerà la serata inaugurale e il convegno dedicato ai problemi della pesca e, infine, quella con il giornalista enogastronomico Davide Eusebi che condurrà tutti i cooking show della tre giorni dedicata al brodetto; troveranno spazio cooking show e convegni, ed inoltre la manifestazione si arricchirà  però di “gustosissime” novità.

 

I Cooking Show: tipicità internazionali

 Intanto il Festival si rinnova dal punto di vista del concept. L’undicesima edizione sarà infatti la prima a puntare in grande stile sull’INTERNAZIONALITA’: una serie di chef provenienti da oltre confine saranno, infatti, chiamati a presentare le loro zuppe di pesce durante i COOKING SHOW sfruttando lo stesso format che nel 2012 ha riscosso così tanto successo. Il Palabrodetto ospiterà una lunga serie di dimostrazioni e degustazioni dedicate alle zuppe di pesce. E la buona notizia è che lo spazio dedicato ai cooking show è stato potenziato: saranno quattro, e non più soltanto due, i giorni in cui si svolgeranno e protagonisti saranno i migliori chef italiani, primi tra tutti Mauro Uliassi e Moreno Cedroni, accompagnati da Special Guest quali Marina Gasi (Croazia) del Ristorante “Marina” di Novigrad (Istria) oltre ad altri grandi chef e  giovani ma promettenti stelle  della cucina italiana.

E insieme ai nomi internazionali dell’alta cucina, i cooking show, come da tradizione, vedranno protagoniste le grandi etichette vinicole marchigiane attraverso il consorzio di tutela IMT, partner strategico del Festival, del quale fanno parte oltre 1.000 aziende associate di cui 16 DOC e 4 DOCG. Sarà proprio IMT, infatti, a curare la rassegna di vini che di volta in volta accompagneranno i singoli piatti di zuppa di pesce presentati dai vari chef in base alle loro caratteristiche organolettiche e al gusto. Nonostante l’apertura delle frontiere, dunque, il Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce continua a valorizzare il territorio, dando forza ed importanza alle aziende ed ai prodotti che fanno grandi le Marche. Proprio come nel caso del consorzio di tutela IMT. E nel parlare di eccellenze del territorio non poteva mancare il Bianchello del Metauro, vino ufficiale del Festival e presente con 13 cantine.

 Anteprime: Brodetto nel centro storico di Fano

 Ma l’edizione 2013 riserva agli ospiti anche un’altra importante novità: l’Anteprima del Festival, due serate che si svolgeranno nel centro storico di Fano martedì 10 e mercoledì 11 settembre 2013, delle quali saranno protagoniste altre specialità fanesi, tra le quali la “bevanda dei pescatori” o meglio la Moretta, famoso caffè corretto utilizzato per scaldarsi nei freddi inverni in mare. Durante le due serate di anteprima il centro si vestirà a festa e tutti i negozi saranno addobbati a tema, verranno proposti menù speciali ed anche un vero e proprio corso di cucina della durata di 4 ore per apprendere la tecnica per preparare la zuppa di pesce fanese. Programma ricco anche quello delle anteprime, dunque, che prevede in particolare due iniziative degne di nota a livello nazionale: il Concorso “Miglior Cocktail” abbinato al Brodetto e la dodicesima ed ultima tappa della Staffetta del Bianchello. Il concorso, organizzato dalla delegazione marchigiana di Aibes, si svolgerà martedì 10 in piazza XX settembre a Fano e la partecipazione sarà aperta ai soci Aibes di tutta Italia. Una sola la regola obbligatoria: utilizzare come base del cocktail una delle 12 etichette di bianchello della Provincia che hanno partecipato alla “Staffetta” nei mesi precedenti. Una giuria composta dai delegati ais e aibes del territorio deciderà poi a chi attribuire il premio come miglior cocktai da abbinare al brodetto. Mercoledì 11 sarà invece protagonista proprio il bianchello con la dodicesima ed ultima tappa della “Staffetta”, iniziativa organizzata da Ais delegazione Urbino e Montefeltro e Ambasciatori Territoriali dell’enogastronomia, che ha visto gli appassionati camminare da una cantina all’altra con percorsi di circa 10 km alla volta potendo apprezzare direttamente in cantina le peculiarità di ogni bianchello.

Le serate di anteprima però offriranno anche appuntamenti culturali alla scoperta della città. Sarà infatti possibile visitare in centro la mostra dedicata al pittore Guido Reni (organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano nei locali della Pinacoteca San Domenico) e una lunga serie di luoghi storici come le chiese di San Francesco o San Pietro a Valle, l’Arco d’Augusto o il complesso del San Michele grazie all’organizzazione di visite con le guide di Federagit ed il giro alla scoperta della Fano Romana in notturna in collaborazione con l’Archeoclub. I resti di epoca romana presenti nei siti daranno la possibilità ai visitatori di affacciarsi nella vita quotidiana degli abitanti di Fanum Fortunae, un antico stile di vita pieno di inaspettate sorprese e di grande suggestione, che sarà riscoperto negli aspetti più disparati: dalle necessità materiali quotidiane alla soprannaturalità della religione, dalle straordinarie tecniche costruttive agli incredibili gusti gastronomici. L’iniziativa sarà anche l’occasione di conoscere un straordinario personaggio di duemila anni fa, quasi come se fosse presente ancora oggi in questi resti antichi: Vitruvio, il grande architetto dell’epoca di Augusto che, come ormai sostengono unanimemente gli studiosi, proprio a Fano ha costruito la basilica.

Ospiti e Vip: Fede e Tinto in diretta, La Guida ai Ristoranti d’Italia de L’Espresso in “differita”

 Sintonizzazione: 90.3 e 96.6 in FM. Dalle 20 alle 21, dal 12 al 15 settembre prossimi. Fede e Tinto, storici conduttori di Decanter – Radio 2, vi condurranno lungo la strada di un viaggio gastronomico alla scoperta del Brodetto, del Festival e del territorio attraverso tutte le sue più gustose declinazioni. Insieme a loro sul palco, per i tre giorni consecutivi di diretta radiofonica, molti ospiti si alterneranno tra talkshow, interviste, convegni e simpatiche chiacchierate nelle quali il gusto la farà sempre e comunque da padrone.

E se Radio 2 sarà in diretta, tra microfoni, cavi, mixer e stacchi pubblicitari, al Festival non mancherà il fondamentale appoggio del direttore delle Guide dell’Espresso Enzo Vizzari, indiscusso Re della critica enogastronomica. Benchè all’estero nei primi giorni del Festival anche quest’anno Vizzari ha comunque posto sulla manifestazione il suo sigillo garanzia e sarà presente sulla Spiaggia del Gusto nelle ultime giornate. Collaborazione che significa: cultura, gusto, ingredienti di qualità e un tuffo nella migliore gastronomia italiana.

 Spettacoli per tutti i “gusti”: anche questo è Festival del Brodetto

 Una lunga serie di iniziative di genere diverso, capaci di coinvolgere l’intera eterogeneità del pubblico del Festival, animeranno dal 12 al 15 settembre la Spiaggia del Gusto. Otto, intanto, le band che si esibiranno tra il palco centrale e il palco nord allietando le serate con rock’n roll, sonorità brasiliane, reggae e lounge passando anche per il “one man show” e la canzone tradizionale marchigiana (in collaborazione con Adriamuse). E poi una rassegna di cortometraggi dedicati al cibo e al territorio, curata dai ragazzi dell’Istituto Tecnico Commerciale “C. Battisti” di Fano e intitolata “Saperi di Marche”. Come vuole la tradizione, infine, non mancheranno le presentazioni di libri enogastronomici o no. Due in particolare i titoli di cui quest’anno si parlerà sul palco centrale del Festival: Fano Music Story 2, un bel viaggio alla scoperta dei grandi nomi locali della musica, della storia delle nostre radio libere e delle nostre discoteche; Una blogger in cucina una storia enogastronomica locale lunga tre generazioni.

Ultimo ma non meno importante, lo spazio dedicato ai bambini che si arricchisce quest’anno di spettacoli teatrali e giocoleria. S’intitola infatti “Happy Circus! Piccole magie per grandi sognatori” il progetto bambini proposto per sabato 14 (18.00/19.30) e domenica 15 settembre (18.00/20.30) dal Teatro delle Isole, realtà che collabora da lungo tempo con il Festival e propone una serie di laboratori didattici e creativi tra cui quello di travestimento, quello di costruzione degli animali, quello di animazione teatrale e quello di giocoleria.

 Il mese del Brodetto nei ristoranti del territorio

 Le occasioni per gustare il famoso Brodetto, in ogni caso, non finiscono qui. Anche quest’anno, infatti, nei ristoranti del territorio settembre sarà il “Mese del Brodetto”: dal 13 settembre al 13 ottobre nei locali aderenti sarà possibile gustare il piatto tradizionale al prezzo convenzionato di 15 euro (bevande escluse). Da Fano a Pesaro, da Torrette a Marotta ma anche nei paesi dell’entroterra come Serrungarina e Fermignano si potrà degustare la famosa zuppa proposta dagli chef locali che la interpreteranno in maniera originale, con un pizzico di fantasia ma senza dimenticare la tradizione. La lista dei ristoranti che hanno aderito alla “Carta del Brodetto” è consultabile all’indirizzo internet www.festivalbrodetto.it insieme ai comunicati e a tutte le novità.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email