Confesercenti Salerno, imprese e mercati: le multe di Eboli emblema di una burocrazia che soffoca le imprese

Il Presidente Esposito: “A breve scenderemo nelle piazze delle nostre città perché anche con il nuovo Governo il cambio di passo, tanto atteso, non c’è stato ed è giusto far sentire oggi, dopo mesi di ossequioso e rispettoso dissenso ordinato, la nostra voce, composta dignitosa ma ormai non più silenziosa”

Ha fatto scalpore il recente “bliz” da parte della polizia municipale di Eboli nei confronti degli operatori del commercio su suolo pubblico, multati senza “batter ciglio” con sanzioni amministrative individuali da 400 euro.
È questa una dimostrazione palese di come la burocrazia, gli eccessi di burocrazia, ma anche la poca attenzione verso i settori maggiormente penalizzati dalla pandemia, possano provocare ingenti danni e determinare purtroppo anche la fine di alcune piccole attività economiche.
Non usa mezzi misure il presidente provinciale di Confesercenti Salerno Raffaele Esposito, questo utilizzo eccessivo degli strumenti amministrativi per ledere gli interessi di una categoria fondamentale della nostra storica associazione, quella degli ambulanti, deve finire.

Bene hanno fatto, prosegue il Presidente Esposito, i colleghi Pietrofesa e Santimone rispettivamente presidente Anva Confesercenti provinciale e presidente zonale della città di Eboli a sollevare il problema, siamo stufi di dover rincorrere il provvedimento amministrativo “last minute” o piuttosto l’impreparazione del burocrate locale di turno, o peggio ancora il mancato o tardivo raccordo amministrativo tra i vari uffici, tutti “mancati” provvedimenti che puntualmente penalizzano le cosiddette categorie minori, etichetta che non riconosciamo perché le attività che tuteliamo rappresentano il cuore pulsante delle nostre comunità e delle nostre città.
Dietro il nostro impegno territoriale, prosegue il presidente Esposito, ci sono giornate di ragionamenti e dialogo con le istituzioni, a volte fino a tarda notte, per far prevalere le regole del buon senso, mercati chiusi ma GDO della distribuzione alimentare aperta sempre, negozi di vicinato chiusi ed i giganti del web con zero tasse pagate in Italia sempre pronti agli affari, pubblici esercizi chiusi tra cui bar, ristoranti e similari e negozi alimentari e grossi marchi delle vendite che incassano mediamente il 30% in più, insomma siamo stanchi, siamo esausti e ci appelliamo con tutto il rispetto istituzionale alla consueta sensibilità di S.E. il Prefetto di Salerno Francesco Russo per una rapida interlocuzione con gli enti locali al fine di invitarli ad un maggiore attenzione, rispetto e controllo da parte delle autorità competenti, delle varie ordinanze regionali, DL e DPCM. Capiamo anche noi il momento storico, difficile per tutti, la nostra azione vuole essere un invito alla maggiore concertazione ed al dialogo con le associazioni di categoria che sono sempre aggiornate, anche tecnicamente attraverso le strutture regionali e provinciali, e disposte a coadiuvare il lavoro, sempre più difficile, degli enti locali.

Dopo più di un anno di pandemia con i ristori ed i sostegni insufficienti, anche se frutto di un impegno giornaliero delle associazioni di categoria e che dovranno per questo essere rifinanziati, è il momento per imprese ed operatori mercatali di non avere più sul groppone ulteriori balzelli e limitazioni.
Oggi è il momento della solidarietà della visione di una vera ripartenza e di una visione che possa infondere fiducia.
La nostra organizzazione, conclude il presidente Esposito, a breve sarà in piazza, è questa la volontà scaturita dai ragionamenti nell’ambito della nostra ultima presidenza nazionale, scenderemo nelle piazze delle nostre città perché anche con il nuovo governo il cambio di passo, tanto atteso, non c’è stato ed è giusto far sentire oggi, dopo mesi di ossequioso e rispettoso dissenso ordinato, la nostra voce, composta dignitosa ma ormai non più silenziosa. Chiediamo sostegni adeguati e non briciole, una campagna di vaccinazione con al centro gli imprenditori e gli esercenti che così potranno ripartire, così come stiamo dicendo per primi da Gennaio scorso, e protocolli operativi per riaprire subito le attività senza troppe lungaggini ed attese.
Ambulanti, fieristi, stabilimenti balneari, pubblici esercizi, piccoli negozi del commercio, imprese turistiche e tutte le altre categorie cosiddette dimenticate hanno voglia di gridare adesso, non più in maniera silente, in piazza tutta la loro disperazione.
Noi saremo come sempre al loro fianco.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email