Confesercenti Torino: “Il decreto riaperture è un’iniezione di fiducia, ora attendiamo sostegni adeguati per il passato”

Il Presidente Banchieri: “Forse si sarebbe potuto accelerare maggiormente, ma l’importante è aprire per  non chiudere più”

“Il nuovo cronoprogramma per le riaperture segna una svolta importante: si passa dalla paura all’ottimismo. In tanti, forse troppi, dovranno ancora attendere, ma la decisione presa dal governo è comunque un’iniezione di fiducia per le imprese. Si apre una nuova fase nella gestione dell’emergenza; ora per completare il rilancio serve un decreto sostegni bis adeguato alle necessità delle imprese”: così Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti, giudica il decreto riaperture.

“Il nostro giudizio – dice Banchieri – è sostanzialmente positivo: forse si sarebbe potuto accelerare un po’ di più su alcune misure, ad esempio l’abolizione del coprifuoco, ma la direzione di marcia è chiara. Particolarmente importante per noi la possibilità di tornare a svolgere la nostra attività all’interno dei locali e anche di sera; altrettanto significativa la riapertura festiva e prefestiva dei negozi dei centri commerciali. Auspichiamo che i protocolli non pongano restrizioni tali da vanificare di fatto ciò che i decreti consentono. Per il resto, massima attenzione da parte di tutti – esercenti e clienti – affinché stavolta davvero si riapra per non chiudere mai più.

“Rimane però l’esigenza – aggiunge Banchieri – di prevedere ulteriori sostegni alle tante imprese che sono state costrette alle chiusure e che per il 2021 non hanno ancora avuto nulla: le imminenti riaperture non potranno certamente compensare il lungo periodo di inattività. Il nostro settore è fragile e va accompagnato, in questa sua ‘convalescenza’, con misure adeguate. Dunque, attendiamo al più presto un nuovo decreto sostegni”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email