Coronavirus: panificatori e pasticcieri con colombe e prodotti tipici pasquali negli ospedali per medici e infermieri. “Vicini a chi è in prima linea per salvare vite”

In moltissimi raccolgono l’invito di Fiesa Assopanificatori Confesercenti, Associazione Fornai Milano, con il sostegno di Aibi e Assitol. La solidarietà degli artigiani dell’arte bianca arriva in tutta Italia, dall’Ospedale Maggiore di Milano al Gemelli di Roma, fino al Civico di Palermo

Sono moltissimi i panificatori e pasticcieri che hanno raccolto l’invito di Fiesa Assopanificatori Confesercenti e dell’Associazione Fornai Milano, sostenuti da Aibi e Assitol, a manifestare solidarietà a medici ed infermieri impegnati nella lotta al Coronavirus, e che in questi giorni stanno completando la consegna di colombe e uova negli ospedali in tutta Italia.

Dal Policlinico Gemelli di Roma all’Ospedale Maggiore di Milano, dal San Salvatore di Pesaro a quello di Cona a Ferrara, al Santa Maria Goretti di Latina, agli ospedali riuniti di Reggio Calabria, a quello civico di Palermo, a quelli in provincia di Caltanissetta, Gela e Mazzarino, e di Ragusa, Modica, con la cioccolata, a quelli di Sapri e Vallo della Lucania, in provincia di Salerno.

Nei giorni scorsi colombe e prodotti tradizionali sono già stati recapitati agli ospedali di Pescara, L’Aquila, Vasto, Avezzano, Lanciano, Molfetta ed altri ancora lungo la penisola. I panificatori e pasticcieri hanno attivato anche il circuito delle donazioni verso la solidarietà sociale a Salerno e a Bari e in provincia di Firenze Croce Rossa Certaldo, Misericordia Certaldo, Prociv Arci Certaldo e SIENA a Misericordia San Gimignano. Solidarietà anche negli ospedali di Piemonte Liguria Lombardia e Valle d’Aosta, presenti a Biella e Trivero Borgosesia, Novara, Omegna, Verbania, Vercelli, Gattinara, Domodossola, Borgomanero e Alessandria e Savona.

“Ci sembra giusto essere vicini a chi da settimane è in prima linea per salvare le nostre vite. Un sentimento condiviso da moltissime imprese artigiane che, in questo momento difficilissimo, hanno già aderito all’iniziativa o stanno per farlo. Il gesto dei fornai, con migliaia e migliaia di prodotti tra colombe, uova e prodotti tipici delle tradizioni locali recapitati negli ospedali, è allo stesso tempo semplice e importante, di affetto e incoraggiamento”, spiegano Davide Trombini e Cesare Marinoni, Presidenti rispettivamente di Fiesa Assopanificatoripasticcieri di Confesercenti e di Associazione Fornai Milano. “È un piccolo dono che mette al servizio degli altri il lavoro, la competenza e la passione di tanti artigiani che si sono trovati ad affrontare più di altri il rischio di contagio e che non hanno mai smesso di lavorare per portare il pane a casa di tutti. Oggi più che mai vogliamo ribadire il nostro essere solidali e al servizio delle nostre comunità e del paese. Anche per questo sarà una Pasqua di forte partecipazione e di rinascita”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email