Criminalità, Confesercenti Foggia: “E’ sempre viva, servono interventi straordinari dello Stato per arginare nuovo attacco”

L’ombra della mafia turba ancora la vita socio-economica di Foggia. Uno spettro inquietante, di quelli che non lasciano spazi a dubbi e false interpretazioni: la malavita organizzata c’è ed alza il tiro. I numerosi arresti operati nell’ultimo anno di attività dai Ros e dal Comando Provinciale di Foggia dell’Arma dei Carabinieri guidati dal Ten. Col. Basilicata, e dalla Polizia, con il coordinamento della Procura di Bari e della Direzione Nazionale Antimafia confermano che il tessuto criminale della città è più che mai vivo, pronto a minare e contagiare la comunità.
«Gli attentati dinamitardi verificatisi a Foggia nelle ultime ore – commenta Carlo Simone, presidente provinciale di Confesercenti – sembrano quasi una risposta alle Istituzioni considerata la recente visita della Commissione antimafia e le osservazioni della presidente Rosy Bindi che hanno confermato la preoccupazione per la recrudescenza  dell’azione criminale nella nostra provincia.  I fatti  dimostrano che lo Stato c’è e reagisce ma non va dimenticato che la malavita ha tanti tentacoli, pronti a prendere il posto di quelli recisi. Non bisogna dunque abbassare la guardia: aziende e negozi vivono la paura del racket, lo spettro di pressioni malavitose che di fatto rendono più difficile il momento che viviamo». L’impegno delle forze dell’ordine – prosegue Confesercenti – e della magistratura è importante per un cammino ancora lungo e difficile affinché il capoluogo venga bonificato da presenze e attività illegali. Lo chiedono la Città, il territorio e chi produce  e  lavora. «Noi facciamo la nostra parte –  conclude il Presidente Confesercenti -: mettiamo a disposizione delle vittime il numero verde di SOS Impresa per denunciare i malavitosi, affianchiamo e supportiamo le vittime nei processi e le assistiamo aiutandoli a proseguire la propria attività, l’azione di prevenzione e repressione in questa difficile situazione deve essere garantita con interventi straordinari dello  Stato».

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email