Crisi Grecia, Atene presenta piano da 12 miliardi

Tagli alle baby pensioni e alla difesa. Tassa sugli armatori e aumento dell’IVA per isole, ristoranti e alberghi

Un nuovo obiettivo, ridotto, per l’avanzo primario dei prossimi 4 anni. Ed un piano di tagli ed aumenti fiscali per il valore di 12 miliardi di euro in due anni, come ‘controgaranzia’ per ottenere i 53,8 miliardi di euro necessari per saldare i debiti in scadenza da qui al 2018. E’ questa la proposta avanzata da Atene per assicurarsi il via libera a nuovi aiuti internazionali ed evitare per la Grecia lo  scenario peggiore, quello che porta al default e all’uscita dall’Euro. Tra le misure principali, gli interventi sull’IVA: lo sconto attualmente vigente in alcune isole verrà abolito entro il 2016, mentre l’aliquota salirà al 23% per ristoranti e catering e al 13% per gli alberghi. Salgono anche i tagli alla difesa, il cui budget verrà decurtato di 300 milioni entro il prossimo anno, e alle baby pensioni. Queste ultime verranno ridotte progressivamente, attraverso un programma di disincentivi, mentre l’età pensionabile salirà a 67 anni entro il 2022. Salta anche il contributo di solidarietà per i pensionati entro il 2019. Complessivamente, l’operazione previdenziale dovrebbe portare ad un risparmio previsto  tra lo 0,25-0,50% del pil nel 2015 e l’1% dal  2016. Aumentano, invece, le tasse sugli armatori, le imposte sui beni di lusso – che passa dal 10 al 30%- e quella sulle imprese – dal 26% al 28% – ma anche il contributo di solidarietà sul reddito. Il Piano prevede, come clausola di garanzia, una tassa sugli immobili da varare dopo la revisione catastale.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email