Crisi / Le previsioni economiche per l’Eurozona: crescita contenuta, rischi da Grecia

L’Eurozone Economic Outlook di  Istat, Ifo e Insee

europa-unitaLa crescita dell’Eurozona, su cui continuano a pesare i timori legati all’esito delle elezioni greche, proseguira’ “contenuta” nei prossimi trimestri. A previsione e’ contenuta nell’Eurozone economic outlook curato da Istat, Ifo e Insee, secondo cui nel quarto trimestre del 2014 l’attivita’ economica nell’area euro e’ attesa crescere dello 0,2%, lo stesso tasso registrato nel terzo trimestre. L’evoluzione positiva proseguira’ anche nei primi mesi del 2015: il Pil e’ previsto espandersi dello 0,3% sia nel primo sia nel secondo trimestre, trainato principalmente dalla domanda interna, stimolata a sua volta dai bassi prezzi energetici.

“Il miglioramento nel mercato del lavoro”, si legge nel rapporto, “sara’ graduale e i consumi privati verranno sostenuti dal moderato incremento del reddito disponibile, conseguenza dei modesti aumenti salariali e dalla bassa inflazione legata anche alla recente caduta del prezzo del petrolio. Gli investimenti torneranno a crescere moderatamente nel 2015, stimolati dall’accelerazione della domanda interna ed estera e dal miglioramento delle condizioni di finanziamento”.

Assumendo per il periodo di previsione una stabilizzazione del prezzo del petrolio intorno a 56 dollari per barile e un tasso di cambio di 1,21 dollari per euro, l’inflazione e’ prevista toccare il minimo nel primo trimestre 2015 per poi tornare a crescere lentamente nel secondo. Sullo scenario, conclude l’outlook, “i principali rischi al rialzo sono legati all’ulteriore deprezzamento dell’euro e alla caduta del prezzo del petrolio, entrambi in grado di assicurare stimoli alla domanda interna e estera. I rischi al ribasso dipendono” invece “principalmente dalle ripercussioni degli esiti delle prossime elezioni Greche sulla stabilita’ dell’area dell’euro”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email