Cultura, Giussani: in Italia livelli di lettura drammaticamente bassi, introdurre detrazioni fiscali per tutti per promuovere la diffusione di libri

libri_bonus“I dati Istat ci consegnano, ancora una volta, la fotografia di un Paese dove i livelli di lettura sono drammaticamente bassi. Serve un bonus fiscale per l’acquisto libri democraticamente distribuito, mirato a sostenere la diffusione del libro e l’avvicinamento alla lettura di tutti gli italiani”.
E’ quanto afferma Cristina Giussani, presidente del SIL – Sindacato Italiano Librai aderente a Confesercenti – commentando il rapporto diffuso dall’Istat sulla lettura in Italia.
“Apprezziamo gli sforzi compiuti dal Governo fino ad oggi – continua Giussani – ma piuttosto che interventi una tantum a favore di categorie specifiche, come il bonus di 500 euro per gli insegnanti e quello per i neo diciottenni, sarebbe più efficiente passare ad un approccio globale del problema. Per questo auspichiamo che la Legge Giordano, attualmente in discussione in Parlamento, introduca per tutti la possibilità di usufruire di detrazioni fiscali sull’acquisto dei libri, che siano di varia o di scolastica. Un intervento che, soprattutto se inserito all’interno di una grande campagna per rilanciare il ruolo culturale di libri e librerie, può efficacemente stimolare l’avvicinamento degli italiani alla lettura. Così si tutelerebbero anche le librerie e le cartolibrerie indipendenti, in particolare quelle dei piccoli centri, che costituiscono un presidio unico per la promozione della lettura e della cultura sul territorio e che si trovano a vivere un momento di transizione delicato”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email