“Dal Prodotto alla destinazione”: come cambia la promozione turistica alla luce della nuove tecnologie e della legge regionale sul turismo

Stamattina la tavola rotonda di Confesercenti Emilia Romagna. Gli interventi di Donati, Bollettinari, Burioni e Mazza

destinazioneSi è svolta stamattina in Cappella Farnese, all’interno del seminario “Dal Prodotto alla Destinazione”, la tavola rotonda dedicata alle opportunità che si aprono nel settore dopo l’approvazione della nuova legge regionale sul turismo.

Hanno partecipato il direttore Confesercenti Emilia-Romagna Stefano Bollettinari, che ne ha illustrato i contenuti fondamentali, assieme al Direttore APT Servizi Emilia-Romagna Emanuele Burioni, al Presidente Assohotel Nazionale Filippo Donati e al Presidente Assohotel Confesercenti Bologna Paolo Mazza.

Sono convinto – ha spiegato Stefano Bollettinariche la nuova legge apra importanti scenari nella governace regionale e nell’organizzazione del sistema di promo-commercializzazione del turismo, che passa dalla proposta di prodotti d’eccellenza a quella di un intero territorio (le destinazioni turistiche) e della sua logistica. E’ un cambiamento importante ma si realizzerà mantenendo forte il rapporto pubblico privato, il ruolo delle imprese e delle associazioni di categoria. Questa legge, alla cui redazione abbiamo dato il nostro contribuito, sostenendo fortemente la valorizzazione dei territori e delle destinazioni turistiche insieme ai prodotti, riveste un ruolo molto importante per il turismo di oggi e del futuro, ma è fondamentale che la valorizzazione delle destinazioni significhi anche una forte attenzione al prodotto” inteso come salvaguardia ambientale, qualità del territorio, maggiore accessibilità e trasporti verso le destinazione turistiche, nonché adeguato sostegno alle imprese ricettive. Sono tutti aspetti che influenzano in maniera determinate la domanda turistica e quindi il valore economico del settore nei prossimi anni.”

Il seminario, nel pomeriggio, è dedicato alla ristorazione: la prenotazione online, strumento consolidato nel settore turistico, sta conquistando, infatti, anche la ristorazione, quasi il 78% delle persone, come emerge da una recente indagine sugli emiliano romagnoli, quando decide di andare fuori a pranzo o cena, cerca informazioni sul web e non sono solo le recensioni a essere determinanti, ma anche le informazioni sul menù, il tipo di cucina, le foto dei piatti e del locale. Ma quali sono i numeri di questo fenomeno e quali le opportunità per i ristoranti? Questi temi sono oggetto dell’incontro dal titolo “Strategie e strumenti di ristorazione” coordinato da Esmeralda Giampaoli, Presidente FIEPET Nazionale, insieme a Massimo Zucchini, Presidente Confesercenti Provinciale Bologna, e il Country Manager Italia di The Fork, Almir Ambeskovic.

The Fork è il servizio che permette di cercare, prenotare, recensire e tenere i contatti con i clienti del proprio ristorante usando Internet o l’app dedicata, acquisito da TripAdvisor nel 2014, rappresenta oggi il caso più interessante di studio del fenomeno.

L’evento è promosso dalla Confesercenti Emilia Romagna in collaborazione con BTO Educational e Centro Studi Turistici e rientra nel programma degli eventi che si svolgono in occasione della XXª edizione della Borsa delle 100 città d’Arte d’Italia.

Il Movimento Turistico in Emilia Romagna nel 2015

Ambito turistico

Arrivi 2015

Presenze 2015

RIVIERA

5.584.000

37.510.000

APPENNINO

280.000

2.038.000

CITTA’ D’ARTE

2.535.000

5.106.000

TERME

382.000

1.515.000

TOTALE REGIONE

8.781.000

46.169.000

Fonte: dati Osservatorio Turistico Congiunturale Emilia Romagna

 

 

Fonte: dati Regione Emilia Romagna Rapporto annuale sul movimento turistico e la composizione della struttura ricettiva anno 2014

 

 

Fonte: dati Regione Emilia Romagna Rapporto annuale sul movimento turistico e la composizione della struttura ricettiva anno 2014

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email