Criminalità, dalla Confesercenti un plauso alle forze dell’ordine e alla direzione investigativa antimafia di Bari

Un incoraggiamento alle imprese e ai cittadini

Dalla Confesercenti un plauso alle forze dell'ordine e alla direzione investigativa antimafia di BariEfficace l’operazione dei Carabinieri del Nucleo investigativo di Bari, coordinati dai Pubblici Ministeri della Direzione investigativa antimafia Roberto Rossi e Renato Nitti, che ha permesso di sgominare un clan criminale mafioso di Altamura che si era affermato nel territorio per reati di traffico e spaccio di droga, detenzione di armi da guerra, estorsioni a danni di imprenditori, furti e ricettazione, omicidi e ferimenti.

Che la criminalità nel territorio murgiano non fosse “dormiente” era evidente, e vari episodi succedutisi negli ultimi dieci anni lo testimoniavano.

Confesercenti Metropolitana Terra di Bari e la sua Associazione di settore SOS IMPRESA, esprimono grande soddisfazione per il successo di tale operazione ed auspicano che il controllo del territorio e la sua sicurezza, in tutte le sue forme, sia sempre più assicurata dallo Stato, dalle forze dell’ordine, dalla pubblica amministrazione, dalla società economica e civile che non deve mai abbassare la guardia.

Il rammarico resta quello che anche all’interno della pubblica amministrazione si continuano a scoprire connivenze e corruzione.

Ma anche nel tessuto imprenditoriale e nella società civile, per ragioni anche comprensibili di paura, si subisce la sudditanza e l’accondiscendenza, senza trovare il coraggio di denunciare.

Per questo abbiamo lanciato la nostra campagna antiracket e antiusura col motto “IO CI METTO LA FACCIA”.

Ma facciamolo tutti insieme, utilizzando sia gli strumenti di difesa messi in campo dallo Stato che quelli forniti dalla nostra Associazione a cui ci si può rivolgere per denunciare un abuso, un sorpruso, una violenza, un ricatto, un’estorsione, un’usura.

Sapete dove siamo.

Utilizzate il nostro numero verde 800.900.767.

Leggi le altre news Dal Territorio 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email