Debito pubblico, Bankitalia: ad aprile nuovo record di 2.146 miliardi

Salgono dell’1,2% le entrate tributarie rispetto al primo quadrimestre 2013

Sale ancora il debito delle amministrazioni pubbliche. Secondo i dati comunicati da Bankitalia, ad aprile è salito di altri 26,2 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo storico a quota 2.146,4 miliardi di euro. La quota di incremento corrisponde per 11,3 miliardi al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche e per 15,4 miliardi all’aumento delle disponibilità liquide, che hanno raggiunto i 77,4 miliardi a fine aprile.

Un anno fa, nell’aprile 2013, tali disponibilità erano a 42 miliardi. A Palazzo Koch precisano che l’apprezzamento dell’euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all’inflazione, i Btp Italia, hanno complessivamente limitato l’incremento del debito per 0,5 miliardi.

Il fabbisogno del mese di aprile è stato condizionato dal versamento del contributo italiano al capitale dell’European Stability Mechanism (2,9 miliardi) e dalla quota di competenza dell’Italia dei prestiti erogati dall’European financial stability facility (1,5 miliardi).

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 26,1 miliardi, quello delle amministrazioni locali di 0,2 miliardi, mentre il debito degli enti di previdenza è diminuito di 0,1 miliardi.

Nel complesso, concludono a Bankitalia, dei primi 4 mesi dell’anno, il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche, al netto delle dismissioni, è stato di 41,1 miliardi, in riduzione rispetto al dato relativo allo stesso periodo del 2013 (48,4 miliardi).

Tra gennaio e aprile crescono le entrate tributarie – Intanto, le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato risultano pari in aprile a 28,6 miliardi, in calo del 2% rispetto allo stesso mese del 2013. Via Nazionale aggiunge però che nei primi quattro mesi dell’anno le entrate sono cresciute dell’1,2% (1,4 miliardi); tenendo conto di una disomogeneità nella contabilizzazione di alcuni incassi, le entrate tributarie sarebbero rimaste sostanzialmente invariate rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email