Decreto Genova, modifiche ed integrazioni a sostegno delle attività economiche colpite dal crollo del Ponte Morandi

Decreto Genova, modifiche e integrazioni a sostegno delle attività economiche colpite dal crollo del Ponte Morandi

Le associazioni del commercio e dell’artigianato – Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna – lunedì 29 luglio hanno consegnato alla struttura commissariale, in previsione dell’incontro con il governo, una serie di richieste volte a sostenere e incrementare le risorse del “decreto Genova” alla luce delle persistenti necessità delle imprese che, nonostante l’attenzione delle istituzioni sia l livello locale, regionale e nazionale, vivono ancora una situazione di forte difficoltà.

  • Le richieste rappresentato consistono:
  • nell’estensione del periodo di riferimento sul decremento del fatturato per la durata di 12 mesi dalla caduta del ponte;
  • nell’inserimento dei maggiori costi sostenuti dalle imprese;
  • nell’ampliamento della platea dei beneficiari dell’articolo 8 e nella richiesta di misure per bandi in conto capitale a fondo perduto almeno del 50% per nuovi investimenti all’interno dei municipi più colpiti
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email