Def, Morando: “Nel 2015 Pil a +0,7%. Nessun intervento sulle pensioni”

Il viceministro dell’Economia: “Con Local Tax inizia superamento patto di stabilità interno”

enrico-morando

La crescita prevista del Pil nel 2015, inserita nel Def dal governo, sarà dello 0,7%. Nessun intervento in vista sul fronte delle pensioni. Ad anticiparlo ad Affaritaliani.it è il viceministro dell’Economia, Enrico Morando.”Il nostro compito – ha spiegato il viceministro – è quello di agire in base al consenso rispetto alle analisi dei diversi istituti, sia quelli internazionali sia quelli nazionali, e in questo momento il consenso è più vicino a 0,7% che non a 0,8%. Naturalmente c’è sempre il tempo nel corso dell’anno, se le cose dovessero cambiare, nella nota di aggiornamento di correggere le nostre previsioni”.Morando poi smentisce qualsiasi intervento sulle pensioni nella prossima Legge di Stabilità: “Il governo non ha nella propria agenda alcun intervento sulle pensioni”.

Il vice-ministro poi parla di eventuali nuovi tagli agli enti locali. “Noi dobbiamo procedere sulla strada della revisione della spesa che riguarda tutta la Pubblica Amministrazione. E adesso in larga misura si tratta di scelte che ogni singolo ente locale deve organizzare, penso per esempio al tema delle partecipazioni degli enti locali nelle società pubbliche. In larga misura si tratta di operazioni che devono essere condotte in modo concordato tra il centro e il sistema delle autonomie locali. Il 2015 per il governo, a proposito di finanza locale, deve essere l’anno che introduce la cosiddetta local tax e supera il patto di stabilità interno, così come è stato definito e gestito nel corso di questi ultimi quindici anni. Queste saranno le novità in tema di enti locali contenute nella prossima Finanziaria”.Morando poi rivela come cambierà la tassazione sulla casa: “La local tax è fondata proprio sul principio dell’unificazione dei diversi tributi e sull’assegnazione agli enti locali in particolare della competenza piena sul versante della imposizione patrimoniale di tipo immobiliare, quindi l’obiettivo è esattamente quello di avere una tassa unica sulla casa”.Entrando nel merito della nuova tassazione sulla casa, Morando ha spiegato: “Non abbiamo alcuna intenzione di aumentare la pressione fiscale sulla casa, abbiamo intenzione di riformare il sistema che nel corso degli ultimi anni si è complicato”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email