Def, Padoan: “Situazione eccezionale, rinviamo pareggio in bilancio al 2016”

“Nel 2014 gap tra crescita osservata e  potenziale ancora molto negativo”

L’Italia non raggiungerà il pareggio in bilancio nel 2014. Piuttosto, si attuerà “un piano per raggiungere pienamente il pareggio nel 2016”. Ad affermarlo è il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, nel suo intervento per chiedere “il voto a maggioranza assoluta” all’aula del Senato, dove ha preso il via questa mattina l’esame del DEF. L’Italia si trova in “circostanze eccezionali” e nel 2014, ha aggiunto, la ripresa sara’ “ancora lontana da livelli accettabili”.

“Nonostante i segnali di ripresa anche nel 2014, infatti, il gap tra crescita osservata e crescita potenziale resterà molto negativo. La ripresa economica è ancora fragile, e la situazione del mercato del lavoro molto difficile”. Per questo, spiega il ministro, il Governo ha scelto di rinviare il pareggio in bilancio.

“Il pareggio di bilancio sarebbe conseguito nel 2016 e sarebbe mantenuto fino al 2018” sottolinea, spiegando che il governo attuera’ “un piano di rientro per raggiungere pienamente l’obiettivo di medio periodo nel 2016”


Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email