Delrio: “La Ue ci ascolti sui danni delle alluvioni, nei trattati è prevista la solidarietà”

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio: “Nell’arco dell’anno i danni superano  i 3-4 miliardi di euro”

 “Con questi impegni verranno riconosciute subito le spese sostenute per la prima emergenza, per ripristinare subito la viabilità o per soccorrere le popolazioni. Abbiamo preparato una finanziaria che riduce del 70% il Patto di Stabilità con i comuni, siamo in un’ottica di allentamento forte, ma ora porremo anche particolare attenzione ai comuni che devono sostenere spese straordinarie. Chi ha soldi in cassa li potrà spendere”. E’ quanto afferma al Quotidiano nazionale il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio, che oggi sarà a Bruxelles per il Consiglio europeo degli Affari generali. “La riunione è stata convocata per altri motivi – spiega Delrio – ma è evidente che verrà fuori il problema di come conciliare le regole del patto con il tema di altre misure previste dai trattati come ad esempio la solidarietà e l’aiuto alle popolazioni che hanno più bisogno”. Su quanto costi allo Stato far fronte ai disastri di questi giorni, Delrio aggiunge: “Costa moltissimo. Parliamo di danni che nell’arco di un anno superano abbondantemente i 3-4 miliardi”. Se l’Europa non consentirà di scomputare queste spese, “sfrutteremo tutti gli spazi che la nuova commissione ha detto di voler utilizzare – assicura Delrio – gli spazi della crescita e dello stimolo all’economia. È evidente che gli interventi di emergenza e ricostruzione sono assolutamente necessari e nei Trattati, appunto, è prevista la solidarietà”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email