Discoteche: Grassi, ‘ristori non bastano, serve piano per riaprire in sicurezza’

“Sì a modello israeliano per i vaccini, tra i giovani i maggiori rischi di assembramento’

I ristori non bastano. I sostegni previsti per le discoteche e gli altri locali dell’intrattenimento sono stati assolutamente insufficienti a coprire le perdite, che per la maggior parte delle imprese sono state superiori all’80% del fatturato annuale. Serve un cambio di passo: dobbiamo rafforzare le misure economiche di sostegno del settore e, allo stesso tempo, mettere a punto un piano per una graduale riapertura in sicurezza delle attività, anche mettendo a punto nuovi protocolli sanitari.

È quanto afferma Filippo Grassi, membro di Giunta nazionale Fiepet Confesercenti, con delega all’intrattenimento, e gestore di lungo corso di diversi locali nella provincia di Siena.

“Tra pandemia e restrizioni, il 2020 ha di fatto azzerato l’intrattenimento, mettendo a rischio migliaia di imprese. Un settore che è parte trainante del settore turistico, vitale soprattutto per l’economia di alcuni territori, visto che i locali generano un indotto importante e garantiscono occupazione dipendente ed indipendente”.

“Non si può continuare così- conclude Grassi-: le imprese vogliono tornare a lavorare e vogliono tornare a farlo in sicurezza. E per accelerare la normalizzazione, dovremmo guardare al modello israeliano per la campagna vaccinale: estendere le vaccinazioni alla popolazione tra i 16 ed i 26 anni di età tutelerebbe i soggetti più sensibili e propensi agli assembramenti, dando in questo modo un incentivo positivo alla ripresa della socialità, agevolando la riapertura delle scuole e il controllo della diffusione del virus sui mezzi di trasporto”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email