Dl Sostegni bis: ok Senato a fiducia con 213 sì, è legge

Il Senato ha approvato con 213 voti a favore, 28 contrari e una astensione il ddl di conversione in legge, già approvato dalla Camera, del cosiddetto decreto Sostegni bis, sul quale il governo aveva posto la fiducia.

Il testo, già approvato dalla Camera lo scorso 14 luglio, è legge.

La legge dovrà essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale entro sabato 24 luglio.

Il decreto, che vale 40 miliardi di euro, è l’ultimo varato dal Governo Draghi per finanziare, in deficit, gli aiuti post-pandemia da Covid-19.

Le principali misure d’interesse per la categoria :

RISTORI FINO A 15MLN RICAVI E PLATEA PIU’ AMPIA – Con una modifica parlamentare sono stati aggiunti 529 milioni di euro
in più per il 2021 per aumentare la platea dei destinatari dei contributi a fondo perduto per le aziende che hanno avuto perdite per
Covid: vengono infatti ricomprese anche le imprese con ricavi tra 10 e 15 milioni di euro. Per queste imprese il contributo a fondo perduto automatico sarà riconosciuto sul 20% della differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 e quello del 2019. Con un altro ritocco èstata poi aumentata la dotazione di risorse disponibili di ulteriori 40 milioni di euro estendendo l’erogazione dei ristori per tutti coloro che sono stati chiusi dal 1 gennaio 2021 per un periodo complessivo di “almeno 100 giorni” (quindi poco più di tre mesi). Nella formulazione originaria del decreto si prevedeva di erogare i contributi automatici a chi fosse stato chiuso nel 2021 per “almeno 4 mesi”.

TURISMO – Viene istituito un Fondo straordinario per il sostegno al turismo con una dotazione di 3 milioni di euro.

LICENZIAMENTI E CASHBACK – Entrato nel testo del decreto Sostegni bis, con un emendamento del Governo presentato alla Camera, il decreto si occupa dello sblocco dei licenziamenti e della sospensione del cashback. Viene dunque prevista: la proroga fino al 31 ottobre del divieto di licenziamento nel settore della moda e del tessile allargato. Per i settori nei quali è superato il decreto stabilisce che le imprese, che non possano più fruire della Cassa integrazione straordinaria, possano farlo in deroga per 13 settimane fino al 31 dicembre 2021 senza contributo addizionale e, qualora se ne avvalgano, con conseguente divieto di licenziare. Il testo contiene inoltre norme per incentivare i
pagamenti tramite Pos collegati a registratori di cassa (previsti crediti d’imposta per l’acquisto, il noleggio e l’uso dei dispositivi e, per chi se ne avvale, l’azzeramento delle commissioni da pagare per le transazioni). Ancora, si prevede la sospensione del programma cashback e super cashback nel secondo semestre del 2021 e le risorse che si rendono conseguentemente disponibili sono destinate a finanziare interventi di riforma in materia di ammortizzatori sociali. Il provvedimento rinvia infine al 31 agosto i termini di notifica delle cartelle esattoriali e degli avvisi esecutivi, e destina più di un miliardo di euro all’abbattimento dell’aumento delle bollette elettriche.

NUOVO CALENDARIO FISCO – Il versamento delle rate delle definizioni agevolate “Rottamazione ter” delle cartelle fiscali e del “saldo e stralcio” da corrispondere nel 2020 e il 28 febbraio, 31 marzo, 31 maggio e 31 luglio 2021 sarà considerato comunque tempestivo entro il 31 luglio 2021 (per le rate che sono scadute il 28 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020); entro il 31 agosto 2021 (per le rate scadute il 31 maggio 2020); entro il 30 settembre 2020 (per le rate scadute il 31 luglio 2020); entro il 30 novembre 2021 (per le rate in scadenza il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio e il 31 luglio 2021. ì

PROROGA SCADENZE PER SOGGETTI ISA – Per le partite Iva assoggettate agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) i termini dei versamenti risultanti dalla dichiarazione dei redditi, da quella in materia di imposta regionale sulle attività produttive e da quelle dell’imposta sul valore aggiunto che scadono dal 30 giugno al 31 agosto 2021, sono prorogati al 15 settembre 2021 senza alcuna maggiorazione.

CONTRATTI A TERMINE – Fino al 30 settembre 2022, “qualora si verifichino specifiche esigenze previste dai contratti collettivi di lavoro”, al contratto di lavoro subordinato può essere apposto un termine superiore ai dodici mesi ma comunque non eccedente i ventiquattro mesi. La norma interviene sul dl Dignità dando quindi la possibilità di prevedere una durata dei contratti a termine a 24
mesi.

VIAGGI/CERIMONIE MINORENNI – Per i bambini sotto i 6 anni non ci sarà  obbligo di green pass per partecipare a cerimonie e banchetti, né l’obbligo di tampone per motivi di viaggio. I minorenni che accompagnano il genitore nei viaggi di famiglia in Europa (o meglio all’interno dell’Unione europea) non dovranno inoltre sottoporsi a quarantena o autoisolamento per motivi di viaggio se tale obbligo non è imposto al genitore o ai genitori perché  in possesso di green pass Covid. DURC Viene chiarito che la regolarità contributiva è verificata d’ufficio dagli enti concedenti a far data dal 1 novembre 2021. Fermo restando che la regolarità contributiva è assicurata anche dai versamenti effettuati entro il 31 ottobre 2021.

FIBRA OTTICA – Nell’ambito delle convenzioni accessorie al rilascio dei permessi di costruzione di nuovi edifici residenziali, le amministrazioni dovranno individuare “in termini preferenziali” le infrastrutture destinate alla “installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica” con particolare riferimento alle opere necessarie ad assicurare i collegamenti tra
l’ingresso dei palazzi e il più vicino nodo di connessione.

BONUS SISMA – Viene prorogato fino al 31 dicembre 2021 il credito d’imposta nelle regioni colpite dal terremoto.

AIUTI A B&B E ANIMAZIONE – Il bonus vacanze potrà essere utilizzato anche per acquistare pacchetti turistici e il Fondo per il sostegno al settore turistico viene esteso anche alle agenzie di animazione per feste e villaggi turistici. Viene inoltre creato un Fondo da 5 milioni di euro per il 2021 per il sostegno dei B&B.

PALESTRE E PISCINE  – Arriva un contributo a fondo perduto di 30 milioni di euro per i gestori delle piscine, e un contributo di 10 milioni di euro per la sanificazione delle palestre.

SLITTA RIFORMA SPORT – Slitta al 1 gennaio 2023 l’applicazione della riforma delle disposizioni in materia di enti sportivi professionistici e dilettantistici, nonché di lavoro sportivo.

CONTRIBUTI ESENTASSE – Tutti i contributi e le indennità di qualsiasi natura erogati in via eccezionale a seguito dell’emergenza
epidemiologica da Covid-19 sono esentasse, senza bisogno di autorizzazione da parte della Commissione Ue.

BONUS GIORNALI – Viene rinnovato per il 2021 il credito d’imposta del 10%, per le imprese editrici di quotidiani e periodici, per l’acquisto della carta utilizzata per la stampa, entro il limite di 30 milioni di euro.

POLIZZA COVID – Al fine di promuovere l’offerta turistica nazionale e di far fronte alle ricadute economiche negative sul settore turistico a seguito delle misure di contenimento dell’emergenza Covid-19, le regioni potranno stipulare una polizza assicurativa relativa all’assistenza sanitaria a favore dei turisti stranieri non residenti in Italia né nella Repubblica di San Marino o nello Stato della Città del Vaticano, che dovessero contrarre il virus durante la loro permanenza nel territorio regionale, quali ospiti di strutture turistico-ricettive, per il rimborso delle spese mediche da essi sostenute in relazione al Covid-19 per prestazioni erogate dalle strutture del Sn e dei costi per il prolungamento del loro soggiorno in Italia.

MATRIMONI ED EVENTI – Arrivano 60 milioni di euro per il 2021 di contributi a fondo perduto per le imprese operanti nei settori del wedding, dell’intrattenimento, dell’organizzazione di feste e cerimonie e del settore dell’Horeca (acronimo di Hotellerie-Restaurant-Café).

USURA – Aumenta di 10 milioni di euro per il 2021 il Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura.

SIGARETTE ELETTRONICHE – L’imposta di consumo sui prodotti liquidi da inalazione senza combustione fino al 31 luglio sarà al 10%. Mentre, a partire dal 1 agosto, verrà abbassata ulteriormente al 5%.

COMUNI IN DISSESTO – Aumenta di 10 milioni di euro per il 2021 il Fondo per i Comuni in stato di dissesto finanziario.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email