fbpx

E’ on line il Rapporto su 15 anni di sicurezza alimentare. Necessario aumentare i controlli nella parte alta della filiera

rapporto_sicurezza_alimentare_logoPubblichiamo on line il lavoro di ricerca “L’alimentazione e la sicurezza alimentare, un osservatorio sulla filiera. Rapporto sulla sicurezza a tavola 2000-2015”.
La ricerca sulla sicurezza alimentare messa a punto da Federconsumatori, Fiesa Confesercenti e Isscon ha ripercorso 15 anni di storia nel nostro Paese dal punto di vista della sicurezza alimentare e degli scandali che hanno interessato prodotti e filiere. Lo studio ha ripercorso le tappe degli allarmi alimentari che si sono succeduti dal 2000 sino ai giorni nostri, partendo dal caso scuola: la mucca pazza e il morbo della BSE.
Il Rapporto ha passato in rassegna l’influenza aviaria, la contaminazione di ITX nel tetra pack del latte della prima infanzia, del latte in polvere con la melammina proveniente dalla Cina, dell’influenza suina, del caso della mozzarella blu, dell’epatite A nei prodotti alimentari, della carne di cavallo non tracciata nei tortellini, dell’emergenza diossina, degli anabolizzanti, dei funghi con la nicotina.
Su questi casi lo studio ha prodotto la genesi, lo sviluppo, i ritardi del sistema di allerta, le conseguenze sui consumi e sui consumatori, i contraccolpi economici e normativi.
Lo studio, a partire dai casi denunciati, ha anche ripercorso l’evoluzione del quadro della normativa sulla sicurezza alimentare, dai principi generali discendenti dalla legislazione europea, al pacchetto igiene, al regolamento sull’etichettatura, a quello sull’origine della carne e sulla tracciabilità animale, alla normativa Haccp, sino all’istituzione dell’Autorità europea della sicurezza alimentare.
Emerge un quadro che richiede di porre sotto severo controllo i piani alti della produzione agro-alimentare, nazionale ed internazionale; l’insieme delle criticità e degli allarmi denunciati, infatti, si sono realizzati a monte del sistema distributivo.
Gli scandali alimentari hanno prodotto negli ultimi 15 anni circa 12 miliardi di euro danni, chiamando le filiere e i consumatori a saldare il conto anche in termini di maggiori oneri di controlli. In qualche caso si deve mettere sul conto anche l’esborso di pubblico denaro come in quello registrato per l’acquisto di vaccini contro l’aviaria.
L’indicazione che emerge dalla storia di questi anni è che occorre una forte azione di vigilanza e sorveglianza sui prodotti alimentari commercializzati in uno stadio antecedente la distribuzione al dettaglio. Questo perché quando arriva sugli scaffali e sui banconi è già troppo tardi, in considerazione del fatto che i prodotti vengono esitati al consumatore finale già sezionati e confezionati e imballati all’origine. Questo pone obiettivamente l’esigenza di un’azione speciale di prevenzione e repressione delle frodi in modo mirato e professionale.
L’ottimo lavoro delle Forze dell’Ordine deve dunque trovare maggior incisività nel lavoro di prevenzione nella fase produttiva.
Dallo studio si evidenzia anche la difficoltà dell’Europa di trovare una posizione comune atta a porre in primo piano la sicurezza alimentare e la piena tracciabilità di tutti i prodotti in etichetta.
In un quadro, dunque, che resta sensibile e permeabile il rapporto Fiesa Federconsumatori segnala, da una parte, l’esigenza di affinare e specializzare i controlli in materia verso le aree che hanno prodotto maggiori criticità e, dall’altra, l’opportunità di uno strumento di osservazione che faccia attività di monitoraggio delle dinamiche dei consumi e delle criticità di sistema.

Leggi il Rapporto 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email