Esenzione dall’obbligo della dichiarazione nutrizionale che entra in vigore il prossimo 13 dicembre. Domani a Roma Confesercenti fa il punto sulla normativa

tabella_nutrizionaleCon nota interministeriale del 16 novembre 2016 del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero della Salute si conferma che la Dichiarazione nutrizionale potrà essere omessa non soltanto per i prodotti senza preimballaggio, oppure imballati nei luoghi di vendita su richiesta del consumatore, o preimballati per la vendita diretta di cui all’art. 44, nonché per il commercio dei prodotti di cui ai precedenti punti da 1 a 18 medesimo all. V (acque, piante aromatiche, sale, infusioni, aceti etc.), ma anche per la vendita “gli alimenti, anche confezionati in maniera artigianale, forniti direttamente dal fabbricante di piccole quantità di prodotti al consumatore finale o a strutture locali di vendita al dettaglio che forniscono direttamente al consumatore finale”.
Come già comunicato in precedenza dunque i Ministeri competenti precisano che saranno esonerati dall’obbligo della dichiarazione nutrizionale le seguenti fattispecie:

  • Alimenti artigianali. La deroga del punto 19 dell’allegato V include negli alimenti preimballati anche gli alimenti artigianali. Il riferimento agli alimenti artigianali emerge chiaramente nella versione originaria del regolamento che dispone “Food, including handcrafted food, laddove la traduzione italiana, pur essendo stata resa con riferimento al solo confezionamento di natura artigianale (anche confezionati in maniera artigianale) non cambia la sostanza.
  • Fornitura diretta. La cessione degli alimenti, senza l’intervento di intermediari, da parte del “fabbricante di piccole quantità di prodotti”, direttamente al consumatore o alle “strutture locali di vendita al dettaglio che forniscono direttamente al consumatore finale.” che ricomprendono, come chiarito nelle Linee guida al regolamento 853/2004/CE, tutte le forme di somministrazione di alimenti. Restano esclusi dalla deroga, pertanto, i prodotti preimballati venduti ad imprese che esercitano vendita all’ingrosso o che svolgono attività di intermediazione commerciale, quali ad esempio le centrali di acquisto.
  • Fabbricante di piccole quantità di prodotti. Rientrano in tale definizione i produttori ed i fornitori, comprese le imprese artigiane ed agricole, che rispettino i requisiti delle microimprese così come definite all’articolo 2 della raccomandazione 2003/361/CE della Commissione. La deroga del punto 19 dell’allegato V si applica, inoltre, agli alimenti oggetto di vendita diretta ai consumatori a “livello locale” da parte degli spacci aziendali.
  • Livello locale delle strutture di vendita. Analogamente a quanto chiarito nelle Linee guida al regolamento 853/2004/CE, il concetto di “livello locale”, come previsto dal considerando 11 del medesimo regolamento, deve essere definito in modo tale da garantire la presenza di un legame diretto tra l’Azienda di origine e il consumatore. E’ pertanto esclusa una fornitura che preveda il trasporto sulle lunghe distanze e quindi in “ambito nazionale”.
    Il “livello locale” può essere identificato, in analogia alle predette Linee guida, “nel territorio della Provincia in cui insiste l’azienda e nel territorio delle Province contermini, ciò al fine di non penalizzare le aziende che si dovessero trovare al confine di una unità territoriale e che sarebbero quindi naturalmente portate a vendere i propri prodotti anche nel territorio amministrativo confinante”.
  • Vendita al dettaglio. La definizione di “vendita al dettaglio” può essere rinviata a quella contenuta all’art. 4 del Decreto legislativo n. 114/1998: “per commercio al dettaglio, l’attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, su aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale”. Tale definizione va integrata con la definizione di “collettività” di cui all’articolo 2, paragrafo 2, lettera d) del regolamento (UE) n. 1169/2011.

Nella nota interministeriale viene chiarito cosa si intende per “piccole quantità” volendosi specificare le imprese, che rispettino i requisiti delle microimprese così come definite a livello comunitario. La stessa definizione vale, ai fini della soglia di fatturato, per gli alimenti oggetto di vendita diretta ai consumatori in ambito locale.
Per “ambito locale” si deve intendere il territorio della Provincia in cui opera l’azienda e quello delle Province limitrofe, nel caso di aziende operanti ai confini di più province. Escluso dunque l’ambito nazionale.
L’esonero dall’obbligo della tabella nutrizionale è un riconoscimento del forte e ingiustificato appesantimento che sarebbe derivato alle piccole imprese dell’alimentazione e della somministrazione già strette da molteplici oneri burocratici.
Tuttavia vale anche la considerazione che la facoltativa indicazione della tabella nutrizionale potrebbe arricchire l’azienda dal punto di vista della comunicazione con i propri consumatori conferendo un vantaggio competitivo in termini di customer satisfaction in quanto si offrirebbe la possibilità  di valutare il prodotto acquistato in termini nutrizionali: calorie, grassi, zuccheri, sali…

Leggi la Circolare

Leggi qui le altre notizie Dalle Categorie —> https://www.confesercenti.it/blog/archivi/dalle-categorie/

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email