Estate 2014, indagine Confesercenti-Swg: Tornano a crescere (+6%) i vacanzieri, ma calano spesa pro-capite (-18%) e complessiva (-13%)

Spagna e Puglia le mete preferite, ma il mare piace meno: in 8 anni perso il 25% delle preferenze. In aumento il soggiorno in albergo

Tanta voglia di vacanze, ma con parsimonia e senza troppe illusioni: anche perché, per il 45% degli italiani, quella del 2014 sarà ancora “un’estate di stagnazione”. Quindi sì a più vacanze, ma con maggior attenzione ai costi: cresce per la prima volta dall’estate 2010 il numero dei vacanzieri (+6%, pari a 1.542.000 di persone in più) ma la spesa media per persona registra un notevole passo indietro (-18% sullo scorso anno) attestandosi a 788 euro.

E’ questa la fotografia scattata dall’indagine Confesercenti-SWG sulle vacanze estive 2014. Quest’estate, gli italiani che hanno pianificato un viaggio o un periodo di ferie saranno il 64%, circa 27.242.000 di persone, mentre resterà a casa uno su tre.

La spesa prevista complessiva dei vacanzieri è di quasi 21,5 miliardi di euro, in calo di circa 3,2 miliardi (-13%) sul 2013. Diminuisce anche la durata della vacanza: quest’anno gli italiani trascorreranno fuori casa in media 11 giorni, contro i 12 dello scorso anno ed i 14 del 2008, prima della crisi. Agosto rimane il mese preferito: lo sceglie la maggioranza degli italiani (54%, era il 52% nel 2013). Segue luglio, in ribasso dal 38% al 34%, e settembre, in cui andrà in vacanza il 18% degli italiani.

Quanti andranno in vacanza (%) – confronto temporale:

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

andranno

70

76

79

71

66

58

64

non andranno

30

24

21

29

34

42

36

dati riportati a 100% senza il ‘non sa’

Previsioni di spesa – confronto Estate 2013 e 2014.

 

2013

2014

Variazione 2014/2013

Percentuale

Assoluta

Spesa media  per persona (euro)

961

788

-18%

-173

Spesa complessiva (miliardi di euro)

24,7

21,5

-13%

-3,2

Elaborazioni Confesercenti su Indagine Confesercenti SWG

 

Rispetto al 2013, quest’estate marca con evidenza l’allentarsi dell’ assillo economico. Scende di ben 11 punti (dal 53% del 2013 al 42%) il numero di coloro che rinunciano alla vacanza perché costa troppo, così come cala del 4% (dal 44% al  40%) il condizionamento delle disponibilità economiche sulle scelte per le ferie. Rientra anche la preoccupazione per la situazione dell’economia italiana (segnalata dal 16% contro il 19% del 2013 e il 22% del 2012). Resta in controtendenza, anzi in netta ascesa – come del resto segnalano i dati Istat sull’occupazione – il timore di perdere il lavoro, che passa dal 12 al 14%.

 

Destinazioni: viaggio all’estero per il 39%, senza ‘sciovinismi’ gastronomici. Spagna in testa, Croazia boom. Puglia la più gettonata in Italia, in calo la voglia di mare.

Le vacanze estive 2014 saranno anche abbastanza “conservative”: i vacanzieri che andranno nello stesso posto dell’anno precedente saranno il 38% (2% in più del 2013), così come quasi uno su tre si cucinerà da solo i pasti dell’estate (31%). Rimane alta la voglia di un viaggio all’estero: per la prossima estate hanno pianificato un viaggio fuori dall’Italia il 39% dei nostri concittadini. Pronti ad adattarsi, contrariamente a quanto si dice, alla cucina locale: è solo una leggenda metropolitana quella che descrive il turista  italiano con la valigia piena di pasta, pomodori pelati, salami e salsicce e magari la caffettiera. L’81% del campione dichiara di mangiare cucina locale, solo il 10% cerca cibo italiano mentre un residuale 5% si porta gli alimenti da casa. Tra le mete prescelte, la Spagna (28%) comanda sempre la classifica; ma quest’anno potrebbe esserci il boom della Croazia, che sale di ben 8 punti nelle preferenze degli italiani, arrivando a un considerevole 18%. Bene anche la Grecia (dal 16 al 19%), mentre la Francia scende dal 24 al 19%.

Le cinque destinazioni più scelte in Europa (% del campione), confronto 2013-2014

2013

 

2014

Spagna

27

Spagna

28

Francia

24

Francia

19

Germania

18

Grecia

19

Grecia

16

Croazia

18

Croazia

12

Gran Bretagna

12

dati percentuali: somma delle risposte consentite.

Rispondenti: quanti dichiarano che andranno in vacanza in Europa

 

Tra chi rimane in Italia la regione più scelta è la Puglia, che sale di tre punti toccando il 16%. Seguono Sicilia ed Emilia Romagna, in lieve ribasso e la Toscana che le tallona. Il mare – che nel 2006 raccoglieva il favore di più di due terzi degli italiani (73%) – ora resta in testa alla preferenze dei vacanzieri, ma con il 48%. Seguono ben distanziate la montagna e le città d’arte attorno al 14%. Per individuare la propria vacanza, il 62% degli intervistati dichiara apertamente di verificare le opinioni degli altri su internet, mentre un 9% si affida alle guide specializzate. Solo il 29% non ama compiere questo tipo di ricerca e si affida a sistemi più tradizionali.  Famiglia e coppia sono le “formazioni” più utilizzate, mentre appare in leggero calo di due punti (dal 24 al 22%) quella con gli amici.   

Le cinque destinazioni più scelte in Italia (% del campione), confronto 2013-2014

2013

2014

Sicilia

14

Puglia

16

Emilia Romagna

14

Sicilia

13

Puglia

13

Emilia Romagna

11

Toscana

10

Toscana

11

Calabria

10

Calabria

10

dati percentuali: somma delle risposte consentite.

Rispondenti: quanti dichiarano che andranno in vacanza in una regione d’Italia.

Il mezzo preferito per raggiungere i luoghi di vacanza resta di gran lunga l’auto, che verrà utilizzata dal 63%, mentre si segnala la crescita dell’opzione treno (dall’8% all’11%) ed un calo quasi simmetrico dell’aereo (dal 25 al 21%). Buona la propensione per un soggiorno in albergo: la sceglie il 35%, contro il 34% registrato lo scorso anno. Si tratta del primo segno positivo dal 2011. Cala, invece, la ricerca di case in affitto. Eppure la prudenza economica si avverte anche in queste scelte: si va un po’ di più presso amici e parenti o nei bed&breakfast, mentre gli alberghi più ricercati sono quelli a tre stelle, con un significativo aumento anche di quelli a due stelle (dal 7 al 10%).

Domanda: Questa sarà per lei un’estate..

% risposte

di ripresa

18

di stagnazione

45

di crisi

27

non sa

10

 

 

Domanda: Quale tra i seguenti luoghi Lei pensa di scegliere per la sua vacanza estiva principale?

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

mare

73

64

57

49

47

48

53

50

48

città d’arte

4

7

10

13

12

13

11

14

14

montagna

12

16

14

12

16

12

12

12

13

vacanze verdi (in Parchi, riserve…)

1

2

5

7

8

8

7

6

8

metropoli

3

2

4

6

6

6

6

6

5

campagna

1

3

3

7

3

3

4

5

4

Terme/wellness o benessere

2

2

2

2

3

5

3

3

5

mete esotiche

3

3

3

2

3

3

2

2

3

lago/fiume

1

1

2

2

2

2

2

2

1

dati riportati a 100 in assenza di non risposte

rispondenti: quanti dichiarano che andranno in vacanza

Domanda: e dove sceglierà di pernottare per le sue vacanze?

2011

2012

2013

2014

in albergo/pensione

40

37

34

35

in una casa in affitto

13

16

19

15

in una casa di proprietà

14

15

14

15

in bed&breakfast

12

9

11

12

presso amici o parenti

8

9

13

14

in residence

7

7

8

7

in campeggio

7

7

6

6

in villaggi turistici

7

5

6

5

in agriturismo

4

3

2

4

in camper/roulotte

2

2

2

3

non risponde/non sa ancora

6

7

5

10

dati percentuali; somma delle risposte consentite.

Rispondenti: quanti dichiarano che andranno in vacanza

 

 

 

Domanda: quale tra i seguenti fattori influirà quest’anno sulla sua scelta per le vacanze?

2013

2014

le sue disponibilità economiche

44

40

la preoccupazione per la situazione economica del nostro paese

19

16

la crisi del lavoro/ timore perdita lavoro

12

14

il gruppo di persone con cui andrà in vacanza

8

10

la sicurezza del luogo della vacanza

4

9

la possibilità di portare con sé i propri animali

6

6

nessuno di questi

7

5

dati riportati a 100 in assenza di non risposte

rispondenti: quanti dichiarano che andranno in vacanza

 

 

 

Domanda: quest’estate quali mesi sceglierà o ha scelto per andare in vacanza?

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

giugno

11

16

12

17

13

17

14

luglio

41

38

39

36

36

38

34

agosto

58

53

53

52

55

52

54

settembre

17

16

17

18

19

17

18

non sa ancora

1

4

7

4

3

4

8

dati percentuali: somma delle risposte consentite  

Rispondenti: quanti dichiarano che andranno in vacanza

 

 

Roma 21 giugno 2014

 

 

 

 

NOTA INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 2 DELLADELIBERA N. 153/02/CSP DELL’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

 

Titolo del sondaggio: le vacanze estive

Tema del sondaggio: società

Soggetto realizzatore: SWG Spa-Trieste

Committente e acquirente: Confesercenti

Data di esecuzione:  27 -30 maggio 2014 

Metodologia di rilevazione:sondaggio CATI-CAWI su un campione casuale probabilistico stratificato e di tipo panel ruotato di 1200 soggetti maggiorenni (su 4900 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Il campione intervistato online è estratto dal panel proprietario SWG. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’ISTAT. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza.

Margine d’errore massimo: ±  3,2%

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email