Faib, Fegica e Figisc al Governo: dia segnali di attenzione sul costo della moneta elettronica

moneta_elettronicaFaib, Fegica e Figisc hanno inviato una nota di contestazione al Presidente del Consiglio Gentiloni sulla questione della moneta elettronica.
Nella missiva le tre Federazioni ricordano che “lo sforzo del Parlamento e del Governo per sollecitare il sempre maggiore utilizzo della moneta elettronica par pagare gli acquisti di carburante, finisce per cozzare contro l’assoluta posizione di retroguardia e di chiusura a qualsivoglia intesa delle banche che, anche su tale argomento, antepongono i loro interessi di struttura a quelli del sistema Paese”.
Dopo aver ricordato che “Il prezzo al pubblico del carburante è costituito, sostanzialmente, di tre componenti economiche: accise ed IVA (che vale circa il 60%); ricavo industriale lordo (che vale circa il 37%); margine di gestione (che vale circa il 2,5%)”, Faib, Fegica e Figisc annotano che “nonostante ciò il costo della transazione per l’utilizzo della moneta elettronica, grava sull’ultimo segmento della filiera, finendo per erodere circa il 50% del margine pro-litro” dei gestori.
Le sigle di rappresentanza dei gestori sottolineano nella nota al Presidente Gentiloni che “Fin troppo responsabilmente la nostra Categoria è rimasta fino ad ora a guardare in attesa che si concretizzassero quelle modifiche normative – auspicate da più parti politiche ma mai realizzate. Per questi motivi – prosegue la lettera dei Presidenti – si intendono preannunciare che se non interverrà una presa di coscienza della drammaticità del fenomeno, saranno costrette a scegliere la via della contrapposizione” sino al “ricorso alla Commissione Europea alla quale denunciare costi assurdi per servizi gratuiti in tutti gli altri Paesi”.

Leggi la Nota

Leggi le altre Notizie dalle categorie

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email