Fallimento Thomas Cook: imprese danneggiate, Assoturismo e Italia Comfidi insieme per assistenza legale e finanziaria

“Un aiuto concreto alle imprese danneggiate dal crack del colosso dei viaggi”

Un servizio specifico per garantire assistenza legale e finanziaria alle imprese italiane colpite dal fallimento del gruppo turistico Thomas Cook.

A offrirlo sono Assoturismo, l’associazione che riunisce le imprese turistiche Confesercenti, e Italia Comfidi, il più grande Confidi nazionale espressione di un’associazione datoriale.

Una collaborazione che mira a dare un sostegno ai tanti operatori danneggiati dall’improvvisa bancarotta, dopo 178 anni, dello storico operatore britannico. Sono infatti migliaia le imprese del nostro Paese – della ricettività, della ristorazione e dei servizi di trasporto – che si trovano nella difficile situazione di dover recuperare i crediti vantati presso il gruppo inglese e mai incassati: cifre che a volte arrivano a decine di migliaia di euro per singola impresa, per un danno complessivo al sistema turistico italiano che potrebbe arrivare ai 300 milioni di euro.

“Metteremo a disposizione la nostra consulenza gratuita alle attività turistiche coinvolte dal fallimento del tour operator britannico attraverso il nostro team specializzato – afferma il presidente di Italia Comfidi Nico Gronchi – aiuteremo, in questa prima fase, le imprese danneggiate con un check-up finanziario per individuare gli strumenti più idonei a risolvere le specifiche criticità, con la possibilità di attivare linee di credito con una garanzia fino all’80% ed un finanziamento a costo ridotto”.

“Da Assoturismo, grazie al contributo di Italia Comfidi di Confesercenti, arriva un aiuto concreto alle imprese danneggiate dal crack del colosso dei viaggi – afferma il presidente dell’associazione Vittorio Messina – per offrire tutto il supporto necessario agli operatori del comparto turistico italiano coinvolti”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email