Fiba, sentenza Consiglio di Stato al centro della Giunta. Rustignoli: “soddisfazione per attenzione e impegno ministro De Micheli”

La disamina della Sentenza del Consiglio di Stato n.7874 è stata al centro della discussione della giunta nazionale di FIBA – l’associazione delle imprese balneari di Confesercenti – che si è riunita oggi. Grazie all’approfondimento fatto con l’ufficio legislativo di Confesercenti è stato possibile fornire un preciso quadro di lettera della sentenza. Tra i temi affrontati nel corso dei lavori, anche l’incontro svoltosi tra Fiba, insieme alle altre organizzazioni sindacali di categoria, ed il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli.

“Esprimiamo soddisfazione per l’attenzione e l’impegno dimostrati dal ministro De Micheli nei confronti delle richieste portate alla sua attenzione e del Senatore Maurizio Gasparri per l’interesse dimostrato nella definizione dell’incontro – ha dichiarato il presidente di Fiba Confesercenti Maurizio Rustignoli – tra cui l’emanazione della circolare ministeriale esplicativa ed applicativa della legge che ha disposto il differimento di quindici anni della scadenza delle concessioni demaniali marittime vigenti, nonché l’emanazione della proposta di DPCM di avvio della riforma della materia (art. 1 commi 675 e seguenti della legge 30 dicembre 2018 nr. 145), insieme all’intervento richiesto per risolvere la drammaticità della questione dei pertinenziali. Proprio in merito ai pertinenziali, il Ministro ha manifestato la volontà di impegnarsi assicurando che entro la fine anno, probabilmente con il Decreto milleproroghe, sarà emanata una norma cautelare di sospensiva degli effetti pregiudizievoli in danno dei pertinenziali.

Infine, il Ministro De Micheli ha annunciato che emanerà la circolare applicativa della legge nr. 145 / 2018 e si coordinerà con il Ministro del Turismo per riprendere il percorso della riforma del settore.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email