Fipet Confesercenti Veneto Centrale: alberghi e ristoranti: continuano a mancare figure specializzate

Situazione di crisi anche negli hotel delle Terme, dove si avvicina l’alta stagione

Non solo stagionali: tra chef, maître e barman sono tantissime le figure che ancora mancano all’appello nel mondo della ristorazione e della ricezione padovana. E il problema, purtroppo, non si è risolto con il finire della stagione estiva. Anzi.

«Con il secondo lockdown» spiega Fabio Legnaro, referente Fiepet Confesercenti di Padova e titolare dell’Antica Trattoria Ballotta, abbiamo perso molti lavoratori specializzati, che con la cassa integrazione non trovavano soddisfazione economica e così si sono spostati verso altri settori. Non parliamo di “manovalanza”, ma di professionisti: chef de partie, chef de rang, maître, barman. Figure altamente specializzate, che abbiamo perso con la chiusura e che ora stiamo facendo molta fatica a ritrovare. A me queste figure servirebbero tutte, ma in qualche modo ci riusciamo a gestire grazie alla conduzione familiare. Altri colleghi mi segnalano che, oltre alle posizioni già citate, mancano anche tecnici che riparano le cucine, intervenendo sull’elettronica e sulla meccanica delle macchine».

La situazione è forse anche più grave negli alberghi, in particolare quelli della zona termale, dove l’alta stagione inizia a ottobre. L’AbanoRitz Hotel Terme, ad esempio, segnala che sta cercando camerieri, chef de partie, chef de rang e un barman. «Sto rinunciando ad alcune prenotazioni perché non ho abbastanza personale» spiega Ida Poletto, titolare dell’AbanoRitz «e purtroppo non è un problema contingente. Per noi l’alta stagione sta arrivando ora e siamo in una situazione molto difficile. Non è facile trovare figure specializzate e quando le troviamo non è facile nemmeno trovare un accordo soddisfacente per noi e per loro. Soprattutto in un momento come questo servirebbero soluzioni contrattuali nuove, che mettano gli imprenditori nelle condizioni di offrire ai lavoratori una migliore soddisfazione economica».

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email