Fisco: la fattura elettronica supera quota 1 miliardo di file trasmessi

Coinvolti 3,3 milioni di operatori. Il commercio all’ingrosso e al dettaglio-riparazione di autoveicoli e motocicli il settore più interessato dalla trasmissione


A sei mesi dall’avvio, l’e-fattura supera il miliardo di file trasmessi, tramite il Sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate, da parte di 3,3 milioni di operatori in tutta Italia. Sono i dati registrati e diffusi dal Fisco a sei mesi dall’esordio del nuovo sistema che ha consentito di gestire elettronicamente un volume di transazioni con un valore di 1.689 miliardi di euro, tra imponibile e imposta.

A guidare la classifica delle grandi città è Milano, con oltre 257 milioni di e-fatture trasmesse al 2 luglio da quasi 215mila operatori. Segue Roma, che fa registrare quasi 196 milioni di file inviati da circa 221mila cedenti.

E’ il commercio all’ingrosso e al dettaglio-riparazione di autoveicoli e motocicli il settore più interessato dalla trasmissione delle fatture elettroniche e fa registrare 265.596.119 invii da parte di 714.580 operatori. Segue il settore della fornitura di energia elettrica e gas, con 183.294.866 invii, quello dei servizi di informazione e comunicazione, con 161.857.886 invii, e le attività manifatturiere, che fanno registrare circa 99milioni di e-fatture trasmesse. Riguardo invece alla platea degli operatori coinvolti, tra i più attivi, dopo concessionarie e autofficine, troviamo liberi professionisti (484.207) e costruttori (386.739).

Sul fronte dei servizi creati dall’Agenzia per agevolare gli operatori, nei primi sei mesi, sono state “rilasciate circa 8 milioni di deleghe per i servizi del sistema Fatture e corrispettivi, di cui 2,5 milioni tramite gli uffici delle Entrate e 5,5 milioni attraverso le altre modalità (modalità massiva, diretta e puntuale)”.

Il Fisco e aggiunge che “sfiorano quota 3,8 milioni, infine, le richieste di generazione del Qr code da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta, per consentirgli di acquisire in automatico i dati del cliente”.

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email