Fisco, Orlandi: “La vera rivoluzione è impedire l’evasione, non rincorrerla”

“600 miliardi di accertamenti che non possono essere incassati, concentrarsi sull’evasione che si crea ogni anno”

rossella-orlandiOgni  anno vengono sottratti al fisco 120 miliardi di euro e ”noi ne recuperiamo 12 o 13. Ci sono quasi 600 miliardi di accertamenti relativi agli anni passati, affidati alla riscossione di Equitalia, che non si riusciranno mai ad incassare. Dovremmo smettere di inseguirli, e concentrarci sull’evasione che si crea ogni anno. Colmare il divario tra quei 120 miliardi e i 13 che incassiamo. La vera rivoluzione è impedire l’evasione, non rincorrerla”. Intervistata dal Corriere della Sera, Rossella Orlandi, parla delle future strategie dell’Agenzia delle Entrate. Chiede al legislatore tempi di prescrizione “un po’ più lunghi” e di non abbassare il turn over del personale dal 50 al 20%. Sugli accertamenti ritiene poi necessaria la collaborazione dell’Inps nelle segnalazioni sulle aziende: “Così posso intervenire in tempo, posso chiedere informazioni, mandare un ‘sms’ per ricordare una scadenza non onorata. Così si aumenta la ‘compliance’ cioè l’adesione al Fisco e si restringe l’area di evasione grave, la si individua meglio e vi si possono concentrare le risorse dell’Agenzia”. La sua linea è quella della prevenzione certo, ma anche la “mano dura”: “Non è che ogni volta noi dobbiamo comminare la sanzione minima: un conto è l’errore formale, un conto la frode reiterata”. Il blocco delle azioni coatte sui piccoli debiti fiscali è stata, secondo il direttore dell’Agenzia, “una specie di sanatoria di massa…”. Orlandi definisce infine la dichiarazioni dei redditi precompilata “una rivoluzione” per quasi 20 milioni di contribuenti. Molti italiani saranno finalmente liberi dalle tasse”.

Leggi l’intervista sul sito del Corriere della Sera.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email