fbpx

Genova: incontro tra Confesercenti e il primo cittadino Bucci

Grande distribuzione, riforma dei buoni pasto e aree pubbliche attrezzate i temi principali messi sul tavolo dall’associazione dei commercianti

In occasione della presidenza provinciale di ieri, lunedì 30 luglio, Confesercenti ha incontrato il sindaco di Genova Marco Bucci e l’assessore al commercio Paola Bordilli, facendo seguito all’analogo vertice avuto a gennaio. Alla presenza dei presidenti delle diverse categorie del commercio aderenti a Confesercenti, dei rappresentanti dei Civ e dei consorzi mercatali, l’incontro è servito a stilare un bilancio dei progetti illustrati al sindaco l’inverno scorso, a presentare nuovi piani di lavoro e, ovviamente, a confrontarsi sui temi di stretta attualità.

Tra questi, a tenere banco è stata naturalmente la vicenda dei buoni pasto: non solo per la gestione dei Qui! ticket in possesso dei dipendenti comunali e delle ricadute che le decisioni dell’amministrazione potranno avere sul tessuto commerciale della città; ma, soprattutto, per chiedere al sindaco di sostenere politicamente la richiesta di una profonda riforma del settore.

«Gli esercenti sono letteralmente strozzati dal sistema dei buoni pasto – l’allarme lanciato dal presidente di Confesercenti Genova, Massimiliano Spigno -. Basta gare al massimo ribasso sulla pelle di baristi, ristoratori e commercianti: abbiamo assoluto bisogno dell’aiuto del Comune, della Città metropolitana, della Regione e dei parlamentari liguri per rivedere completamente il sistema. La questione è di estrema urgenza e, se non si interviene subito, segnerà la fine di moltissime attività».

Altro tema caldo è quello della grande distribuzione: «Sono troppe le pratiche di apertura in discussione, troppe le varianti urbanistiche richieste – ha evidenziato lo stesso Spigno -. Come dimostrano le più recenti statistiche diffuse da Unioncamere, nei quartieri esclusi dai flussi turistici il tessuto commerciale è ancora drammaticamente fragile. Non è quindi possibile vivere alla giornata continuando, come in passato, ad utilizzare strumentalmente i supermercati per valorizzare gli immobili ed incassare oneri urbanistici con cui salvare istituti scolastici o impianti sportivi. Le cose non possono più funzionare in questo modo, serve una linea programmatica chiara e di largo respiro, che non riduca l’intero dibattito allo sterile derby tra Coop ed Esselunga».

Novità importanti, poi, sono emerse sul fronte delle aree pubbliche: il presidente degli ambulanti Anva Confesercenti, Roberto Zattini, ha proposto un’alternativa per i giardini di viale Caviglia, antistanti alla stazione di Brignole, oggi candidati a diventare il nuovo capolinea dei mezzi Amt. «Si tratta di una zona ad alto pregio dal punto di vista commerciale, strategica anche a fini turistici vista la sua vicinanza alla stazione che ne fa un biglietto da visita per i turisti appena arrivati in città. Potrebbe dunque diventare la prima area pubblica attrezzata per manifestazioni mercatali e fieristiche dell’intera Liguria, essendo sufficiente dotarla di allacci elettrici ed idrici, di un impianto di videosorveglianza e filodiffusione e di servizi igienici dedicati. Per tutto questo non servirebbero cifre pazzesche ed i tempi sono maturi per dare vita ad un consorzio degli operatori della fiera di Natale che si faccia carico della gestione dell’area».

Condividi