Gli Ottici sono esclusi dalla nuova regolamentazione per le detrazioni fiscali delle spese mediche

spese_medicheCon il modello 730 pre-compilato 2016 non si devono più accumulare scontrini e ricevute fiscali, saranno direttamente le farmacie, i medici e gli ospedali a comunicare i dati delle spese sostenute all’Agenzia delle Entrate. La detrazione fiscale sulle spese mediche rimane del 19%. Per quanto riguarda la trasmissione dei dati riguardanti le spese mediche per il 2015 (D.M. 31/07/2015) se ne occupano le strutture medico-sanitarie, sia pubbliche che private, entro il 28 febbraio 2016 e sono:

• Medico di base;
• Ospedali;
• Cliniche private (convenzionate o non convenzionate col Servizio Sanitario Nazionale);
• ASL;
• Medici e infermieri specialisti, pubblici e privati (come dentisti, fisioterapisti, infermieri professionisti);
• Farmacie.

Nelle figure professionali e le strutture elencate, che avranno l’obbligo d’inviare, direttamente all’Agenzia delle Entrate, le informazioni relative alle spese medico-sanitarie sostenute dai cittadini, non figurano gli ottici anche se svolgono un tipo di attività e gestione assolutamente assimilabile a quella svolta dai soggetti inclusi sia per quanto riguarda l’erogazione del servizio – commercio di dispositivi medici – sia perché accreditati al sistema Tessera sanitaria.
In assenza di ulteriori chiarimenti in merito, da parte delle Istituzioni, per la certificazione dell’acquisto degli occhiali e lenti a contatto, ai fini della detrazione fiscale, gli Ottici dovranno continuare a rilasciare ai propri clienti il cosiddetto “scontrino parlante” come negli anni passati.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email