fbpx

Il sistema Italia tra Arte e Cultura. “La Guida Turistica”, primo Forum nazionale a Roma

Presso la sala del Parlamentino del Cnel. Ore 16,00 inizio lavori

giornata_guideL’Arte nella nostra Italia, culla di civiltà e di Cultura, permea ogni luogo e proviene da ogni tempo. Nulla che ci circondi non mostra che l’Italia è un tesoro d’arte essa stessa, concentrando un patrimonio nella misura più cospicua di ogni altra nazione al mondo. Si assume e si ripete che l’Italia possiede il 70 % di tutto il patrimonio artistico mondiale; girando ogni angolo di mondo ci si trova ad assistere a esaltazioni di minime forme d’arte per noi risibili rispetto anche a uno soltanto dei nostri numerosissimi gioielli posseduti.

Eppure il “sistema Italia” non riesce a essere convintamente conscio di questa sua immensa ricchezza e poco riesce a fare, al confronto con la quantità e qualità del patrimonio artistico italiano, per la sua effettiva valorizzazione e lo sfruttamento turistico. Al fine anche di trarre da esso quei risultati economici capaci di mantenerlo in efficienza senza sussidi dello Stato, attivando investimenti capaci di autofinanziarsi e lavoro diretto e indiretto in un settore che deve assumere, finalmente, per l’economia generale della nazione uno status di volano produttivo trainante.

CIU, Confederazione Italiana di Unione delle professioni intellettuali, assieme a UGLI – Iniziative Culturali, presenta il 1° Forum Nazionale di una serie progettata per esaminare e dibattere i fondamentali aspetti della vasta problematica legata all’Arte e alla Cultura Italiana. Con questo primo appuntamento si vuole guardare al ruolo e alle problematiche delle Guide Turistiche, professionisti eminentemente “intellettuali”, che sono elemento essenziale per la presentazione efficace ed efficiente – e di qualità – del nostro patrimonio artistico comunque ubicato e perché il nostro patrimonio artistico rimanga nel turista, straniero, italiano o cittadino, come arricchimento decisivo della sua cultura.

Scarica il volantino con il programma degli interventi in formato pdf.

 

 

Condividi