Inflazione, Confesercenti: “accelerazione dovuta ad energetici più che alla ripresa della domanda”

euro

Dopo tre anni di calma piatta o quasi, l’inflazione torna a salire segnando il dato più alto dal 2013; ma l’accelerazione è dovuta più all’aumento dei prezzi dei beni energetici che ad una ripresa della domanda interna. A scriverlo, in una nota, l’Ufficio Economico Confesercenti.

La causa principale della ripresa dell’inflazione rilevata a gennaio dall’Istat è infatti di natura esterna: il superamento della fase di contrazione dei prezzi delle materie prime energetiche è sufficiente, in assenza di un ruolo delle componenti interne, a riportare la variazione dell’inflazione in campo positivo. L’aumento del prezzo degli energetici sui mercati internazionali produce, infatti, effetti trasversali su molti altri settori: trasporti, abitazioni, energetici regolamentati. In realtà l’inflazione di fondo, cioè quella al netto di tutte queste componenti, arretra di un decimale, passando dallo 0,6% registrato a dicembre allo 0,5% di questo mese, segnale di una domanda interna ancora debole. Neanche i saldi di fine stagione, in questo senso, pare stiano riscaldando i consumi.

In questo quadro di perdurante incertezza vanno a pesare anche le incognite legate alla richiesta di correzione dei conti pubblici da parte della Ue. Il Paese, in queste condizioni, non è in grado di sopportare ulteriori sottrazioni di risorse per la crescita e l’occupazione. Soprattutto se si considera che l’aumento dei prezzi – che comunque rimarrà, per il 2017, entro l’1%, la metà dell’obiettivo fissato dalla Ue – porterà, se non accompagnato da un rafforzamento della crescita economica, alla riduzione del potere d’acquisto degli italiani, ponendo un nuovo ostacolo alla ripresa della spesa delle famiglie.

Leggi le altre notizie in evidenza

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email