Inflazione: calano ancora energetici, si spera in effetto positivo sui consumi

I dati Istat: a settembre prezzi giù dello 0,4% su agosto, inflazione  a +0,2% sull’anno

 

I dati diffusi oggi dall’Istat sull’andamento dell’inflazione a settembre evidenziano, a livello congiunturale, ancora una tendenza alla diminuzione dei prezzi dei beni energetici e dei servizi di trasporto ad essi collegati, oltre che di quelli sul settore della ricreazione e degli spettacoli. Aumentano invece gli alimentari non lavorati, condizionati probabilmente da fattori stagionali,  dalla situazione internazionale di alcuni mercati di materie prime e dal crollo della produzione degli olii d’oliva lo scorso anno. Comunque, da diversi mesi l’ortofrutta registra consistenti tassi di crescita dei prezzi.

A livello tendenziale, il dato del 0,2 rispecchia quello tra giugno ed agosto ed è come previsto dovrebbe essere il dato 2015, sostanzialmente invariato rispetto al 2014. I beni registrano un tendenziale di -0,5 ed i servizi di + 0,9 (quindi il differenziale è abbastanza elevato, pari ad 1,4%).

L’auspicio è quello che la tendenza al ribasso del prezzo dei beni energetici, produca un effetto sui bilanci delle famiglie, liberando risorse da destinare ai consumi.

 

 

 

 

 

Roma 14 ottobre 2015

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email